Home / Acqui Terme / Parcheggi confusione e cattiva gestione

Parcheggi confusione e cattiva gestione

Parcheggi confusione e cattiva gestioneAcqui Terme. Maurizio Giannetto, consigliere comunale di Morsasco, ha inviato una lettera di protesta al Comandante della polizia Municipale di Acqui Terme, e per conoscenza al Sindaco di Acqui Terme ed a L’Ancora. Questo il testo:

«In data 7 novembre 2016 alle ore 18 ho parcheggiato la mia auto Suzuky Vitara targa MI8W0482 in via Palmiro Togliatti. (P.za dell’Addolorata).

Dopo 10 minuti una ausiliaria lasciava sul mio parabrezza una multa, codice di infrazione 19.

Tengo a farVi notare che alle ore 18, con il buio, ho visto chiaramente, seppur scolorite le righe bianche degli spazi, e, purtroppo non ho notato le righe blu a lato di quelle bianche.

Ho pensato pertanto di aver parcheggiato in una zona libera da vincoli di parchimetro o disco orario.

Con estremo stupore al mio ritorno ho trovato la segnalazione dell’infrazione sul mio parabrezza.

A questo punto Vi chiedo gentilmente, ma con determinazione di venire sul luogo alle ore 18, potrete notare che nel buio risaltano maggiormente le vecchie righe bianche mentre le blu di sera non si vedono, mi domando perché al momento del cambiamento del parcheggio da “libero” a “pagamento “ non siano state coperte le linee bianche con quelle blu! Queste ultime sono state verniciate esattamente parallele alle prime e spostate di 10 centimetri… forse per mettere a dura prova la vista e l’immaginazione degli automobilisti?

Ritengo di essere stato multato ingiustamente e ritengo che, come me, molte persone non pratiche del posto possono cadere in errore.

Vi prego pertanto di voler provvedere alla copertura delle vecchie righe bianche e a riesaminare tutte le sanzioni che sono state emesse dal momento della trasformazione di questi parcheggi da “liberi” a “con parchimetro”.

Il Comandante, interpellato, molto gentilmente mi ha detto che fanno testo le segnalazioni verticali, e che il cartello dovrebbe avere una freccia che sta ad indicare che tutto il parcheggio è a pagamento.

Il cartello in questione non ha alcuna freccia e continuo a domandarmi: perché, all’inizio ed alla fine del parcheggio le righe blu coprono esattamente le vecchie bianche mentre nel centro abbiamo la doppia striscia che confonde le idee?

Pagherò la mia sanzione… per non rischiare di dover pagare il prezzo pieno, ma mi ritengo ingannato dai lavori che sono stati mal fatti e spero che vengano presi provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Secondo l’articolo 208 del codice della strada il 50% dei proventi da sanzioni (se il comune ha agito correttamente), deve essere destinato ad opere inerenti la sicurezza della circolazione stradale; non credo che questi soldi siano stati sempre spesi bene, visto la difficoltà incontrata nel cancellare le vecchie delimitazioni bianche e, avrei curiosità di controllare i verbali che ogni anno entro il mese di maggio devono essere inviati al ministero dei trasporti con elenco dettagliato dei lavori eseguiti con questo 50%».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *