teatro "Ieri è un altro giorno"
Gianluca Ramazzotti, Milena Miconi, Antonio Cornacchione

Lunedì 20 marzo all’Ariston, “Ieri è un altro giorno”

Acqui Terme. Lunedì 20 marzo, all’Ariston, andrà in scena il penultimo spettacolo della stagione teatrale cittadina. Saranno protagonisti Gianluca Ramazzotti, Antonio Cornacchione e Milena Miconi con lo spettacolo “Ieri è un altro giorno!” per la regia di Eric Civanyan.

Questa la trama: sul punto di concludere la causa più importante della sua vita, un avvocato freddo e rigido, ossessionato dalle sue manie e dai principi, si trova obbligato a dividere una lunghissima giornata con l’individuo più incredibile e più imprevedibile che abbia mai incontrato. Un incontro improbabile che cambierà la vita di entrambi. Una giornata, strana, assurda, dove niente va come previsto, niente è prevedibile, dove tutto è possibile e tutto può accadere.

Ieri è un altro giorno” è uno dei maggiori successi comici di Parigi nelle ultime due stagioni teatrali. È, come si dice, una commedia solida, moderna, piena di sorprese, mai rappresentata sui palcoscenici italiani, perfettamente costruita e con un’invettiva folle nella messa in scena che fa ben comprendere il perché di un così inaspettato successo. Difficile anche svelare la storia senza poter svelare tutti gli snodi sorprendenti della trama che anche il pubblico scoprirà vedendola in teatro.

Si può dire che in uno studio di avvocati, Pietro Paolucci, avvocato irreprensibile,  spinto dal padrone dello studio, Bernardo, per il quale lavora, e dal genero di quest’ultimo Federico, due persone non troppo oneste, è sul punto di essere complice, un atto contrario alla sua etica, pur di raggiungere il suo sogno di lavorare in uno studio di Londra. Nel momento in cui commette il gesto irreparabile, uno strano personaggio bussa alla sua porta. Chi è? Perché è lì?

Si scoprirà in seguito; è dotato di uno strano potere che sconvolgerà il corso delle cose, da quel momento può succedere di tutto…

Lo spettacolo avrà inizio alle 21.

Gi. Gal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *