Home / Acquese / Bistagno 6ª ed ultima serata del Rural Film Festival

Bistagno 6ª ed ultima serata del Rural Film Festival

Bistagno. Venerdì 24 marzo, alle 21.30, presso la Gipsoteca comunale Giulio Monteverde di Bistagno, si svolge la 6ª  e ultima serata del “RFF – Rural Film Fest, rassegna cinematografica a tematica ambientale e contadina, organizzata in collaborazione con A.R.I. (Associazione rurale italiana) e con il festival delle terre – premio internazionale audiovisivo della biodiversità.

«Protagonista della serata – spiega la direttrice  arch. Chiara Lanzi – sarà il 1º documentario “Piccole aragoste crescono” di Francesco Cabras e Alberto Molinari (Italia 2013, 29 minuti). Una testimonianza del successo delle politiche ambientali sostenibili che tentano di lavorare in sinergia con il territorio. “Provare a vivere del mare senza ucciderlo” è stato il leit-motiv che ha ispirato il progetto di ripopolamento dell’aragosta rossa del Mediterraneo in alcune aree della Sardegna. Un racconto non istituzionale sulle sfide e i successi dei nuovi “agricoltori del mare”. Il 2º documentario sarà “Pastori” di Paolo Casalis (Italia 2016, 30 minuti). Le colline dell’Alta Langa o della Langa Astigiana, le alte montagne della provincia di Cuneo o del biellese sono alcuni dei territori del Piemonte in cui, da secoli, i pastori raccontati in questo documentario vivono in perfetta armonia con la terra e con le loro greggi. Girato tra la stagione estiva e quella autunnale, in occasione delle fiere ovino – caprine di Murazzano, Roccaverano, Ternengo e Vinadio, “Pastori” è lo spaccato di un mondo dalle tradizioni antiche ma tuttora vivo e produttivo, che non vuole e non può essere relegato al passato o a una dimensione di folclore. Le fiere diventano così per i nostri pastori l’occasione per incontrare il pubblico e per fare conoscere i propri prodotti».

L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti. Dopo le proiezioni seguirà la presentazione del lavoro e le degustazioni delle aziende agricole: Gamba di Sessame, Virginia di Cassinasco, Cà d’Baldo di Canelli; Casagrossa di Mombaldone. Per maggiori informazioni si possono seguire le pagine Facebook del RFF, della Gipsoteca e di ARI. «La Gipsoteca Giulio Monteverde, corso Carlo Testa 3 a Bistagno, – conclude la direttrice Lanzi – è un centro culturale di eccellenza, collocato nel cuore della Valle Bormida, incantevole area lontana dai grandi nuclei urbani. Una delle sue missioni è farsi “vedetta” del territorio, occupandosi non solo delle collezioni custodite all’interno delle proprie mura, ma anche dei beni culturali diffusi e del paesaggio circostante. In quest’ottica è nata la collaborazione con ARI che lotta per politiche a sostegno dell’agricoltura contadina e della cura per l’ambiente».

G.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *