Dal 7 al 9 aprile ritorna “Platea cibis”, il “cibo di strada”

Ovada. L’Amministrazione Comunale di Ovada, con l’arri­vo della primavera e dopo il successo dell’edizione 2016, presenta l’evento speciale di street food “Platea cibis” (il cibo di strada, servito nei car­tocci, da consumare in loco sui banchi oppure da portare a casa in alternativa).

Dal comunicato di Palazzo Delfino, unitamente con Con­feserecenti e ProCom: “L’attenzione di questo territo­rio verso l’enogastronomia di qualità è salita molto e ad Ovada ritornerà (come nell’aprile dell’anno scorso) dunque “Platea cibis: street food”, rassegna di cibo ed ali­mentazione, proveniente da molte  regioni d’Italia e Stati esteri, da venerdì 7 aprile a domenica 9 aprile.

Quest’anno Ovada inaugure­rà la nuova veste grafica della manifestazione, che si presen­ta con un messaggio elegante e preciso. E’ un evento di street food che si distingue nel panorama nazionale per la qualità gourmet  proposta, per il mel-pot culinario e culturale e per l’eleganza di una rasse­gna di cibo da strada che è   assolutamente “street chef”.

Il percorso si snoderà in piazza XX Settembre ed in via Torino. E venerdì 7 aprile alle ore 12 è in programma l’inau­gurazione dell’iniziativa. […]

Prodotti e spe­cialità gastrono­miche di “Platea cibis”

Ovada. Prodotti e specialità gastronomiche in vendita nei tre giorni di “Platea cibis”, in piazza XX Settembre e via To­rino, da venerdì 7 a domenica 9 aprile, dalle ore 10 sino alle 24.

Stands dal n.° 1 al 28: carne alla griglia argentina (proposta da Carnaghi Gabriel); patatine, crepes, zucchero e bomboloni (Albanese Daniele); farinata (Boccaccio); trofie al pesto, pesce fritto, focaccia e farinata (Artigiana funghi); souvlaki, moussaka e gyros (Azzurra); mini crepes olandesi (Best pof­fers); cannolo ungherese (Ci­calò Bruno); pasticceria sicilia­na (Dolcezze siciliane Il Padri­no); paella e sangria (Euro­paella events feriales); birra artigianale cecoslovacca e bel­ga (Grana Alessandro); bom­boloni e frittelle (Hansel e Gre­tel); fish & chips (Innocenti Marco); seadas e maialino alla brace (Isola Sarda); hambur­ger americano e costine (La Bergamasca); bombette pu­gliesi (Labracemobile); birra tedesca (LineaEmme);  orec­chiette pugliesi (Lippolis Giu­seppe); cucina tipica polacca (Marcin Domagala); bistecca, tagliata alla fiorentina, ribollita e trippa (Meoni Andrea); por­chetta Ariccia e salsiccia alla piastra (Mercati italiani in tour dell’oasi del panino); croccan­teria, macarons e profiterol caldi (Nozza Roberto); frutta secca, olive, e prodotti siciliani (Palma Gianfranco); birra te­desca e caciocavallo impicca­to (Ruggiero Giovanni); feijoa­da, currasco e arroz doce (Savi Giacomo); arrosticini e pannocchie (The black arrow); fajitas, burritos, nachos, e tor­tillas (Ven); birra belga e pata­tine fritte (Vivai Valle Versa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.