AcqueseAppuntamentiDiocesi

Sassello: Scala Santa e processione del Cristo morto

Sassello. In questa Italia ricca di storia vengono proposte, in luoghi e tempi diversi, occasioni di incontro straordinarie quanto esclusive. Appuntamenti speciali che fanno parte del bagaglio culturale di comunità composite. Attestazioni talora sorprendenti per il viaggiatore alla ricerca di tradizioni popolari, tesori ambientali e gastronomici. Ferragosto, Natale, Pasqua rappresentano, per religiosi e laici, tappe fondamentali di un percorso che si rinnova anno dopo anno. Quale occasione migliore offerta ad un pubblico eterogeneo, partecipato, attento alle consuetudini del passato, di una società che, nell’ambito dell’Appennino ligure, si distinse già nei secoli scorsi per avvenimenti documentati ed un centro urbano dalle facciate dipinte.

Venerdì 14 aprile Sassello si aprirà alla sua gente e ai visitatori amanti di antichi riti, manifestando sentimenti di pietà, devozione, venerazione al Dio dei cristiani. Con gli abitanti stessi gestori, autori, interpreti di una rappresentazione che non ha perduto significatività nei trascorsi millenni.

Una scenografia che risale a tempi lontani si presenta allo spettatore nel susseguirsi di istantanee che rubano l’immaginazione. Nella chiesa della Santissima Trinità, una macchina teatrale riproduce la Scala che, prima i sacerdoti, poi i confratelli – sulle orme di Gesù condotto al palazzo del governatore romano Ponzio Pilato – salgono in ginocchio per baciare i piedi di una statua raffigurante il Cristo morto, esposta all’apice della scalinata. […]

Presenti più di 150 confratelli, la salita avviene al termine di una cerimonia suggestiva con il coro di Sassello che canta laudi al Signore. Alla fine della messa, inizia la processione con i crocifissi, la statua dei giudei, del Cristo morto, mentre la popolazione si raccoglie in preghiera percorrendo le strade del paese fino alla basilica dell’Immacolata Concezione. Qui avviene la benedizione con una croce della Trinità che, al suo interno, contiene una reliquia della Sacra Croce. Protagonisti diventano ora i cittadini raccolti in silenzio, ordinati a deporre, in segno di devozione, un bacio ai piedi del Cristo morto.

Programma delle giornate, allestiti dalla parrocchia della Santissima Trinità e dalla Confraternita di Santa Maria al Suffragio e di San Filippo Neri,  del Giovedì Santo 13 aprile: ore 21, chiesa di San Giovanni e Oratorio dei Disciplinanti, lavanda dei piedi e distribuzione del pane, a seguire processione verso la chiesa della SS Trinità.

Venerdì Santo 14 aprile: ore 20.30, chiesa della Santissima Trinità, inizio della funzione; ore 21.15, chiesa della Santissima Trinità, Salita della Scala Santa; ore 22, processione per le vie del centro storico dalla chiesa della Santissima Trinità alla Basilica dell’Immacolata Concezione. […]

Articolo integrale su L’Ancora n.14 del 9 aprile 2017

 

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close