AcqueseAppuntamentiTeatro

Teatro: il monologo “Groppi d’amore” (in discarica…)

Castelnuovo Bormida. È tratta da un romanzo di Tiziano Scarpa, ed è diretta ed interpretata da Emanuele Arrigazzi, la piece Groppi d’amore nella scuraglia, che andrà in scena venerdì 21 e sabato 22 aprile,  alle ore 21, sul palco del Piccolo Teatro “Enzo Buarné”.  Lo spettacolo presenta la saga – comica e poetica – di Scatorchio che, per fare dispetto al suo rivale in amore, aiuta il sindaco a trasformare il paese in una discarica di rifiuti (e il tema è diffuso non solo nella nostra penisola, ma proprio a pochi chilometri da Castelnuovo… e tutti sappiamo dove).

È un testo originalissimo, commovente, scritto in una lingua sapientemente primitiva che dà voce allo scacco creaturale di fronte ai guasti dell’universo.

Si svolge in tempi a  noi contemporanei; e in questo caso  in un paesino dell’Italia meridionale.

Capita così che, durante una manifestazione di piazza, la rivalità fra due uomini innamorati della stessa donna cambi i destini generali.

Scatorchio, l’uomo che ci racconta questa storia, parla volentieri con tutti gli esseri dell’universo: da Gesù, agli uomini, agli animali.

E lo fa in una lingua prodigiosa, che riesce a tenere insieme il sublime e il comico.

In questo monologo affollato di voci – e che si combina, ovviamente, con le finalità di un teatro civile – ci sono tanti personaggi vivacissimi: Sirocchia, Cicerchio, la vidova Capecchia, lu nonnio, lu sindoco, lu prete, li arabacci sfedeli, lu menistro de l’Iggene, Pruscilla.

Il ritmo è scandito da ulteriori “intermezzi”, in cui il protagonista incontra gli animali del paese, dando forma a un bestiario di figure indimenticabili: ecco lu cane canaglio, lu rundenello, lu surcio pantecano, lu gabbianozzo.

Vivono tutti una pena dello spirito, ciascuno di loro impersona una speciale forma di disperazione e nevrosi.

S’intreccia con la storia anche il rapporto conflittuale, ma alla fine devoto, del protagonista con Gesù, in una serie di preghiere che si rivolgono anche alla Maronna, e a Iddio Patro.

“Una freschezza sorgiva pervade le pagine di questo testo, una felicità d’espressione che pronuncia la contemporaneità, affondando le radici nei vari strati storici della nostra lingua”.

***

Secondo lo stesso Tiziano Scarpa l’interprete Emanuele Arrigazzi è uno Scatorchio irresistibile.

“Si immerge nei larghi pantaloni della sua maschilità e la rende umanissima. Travolgente e impetuoso, Emanuele-Scatorchio fa spalancare le risate degli spettatori e le conficca nelle profondità della commozione”.

Chi recita

Con esperienze sia teatrali che cinematografiche di attore e regista, Emanuele Arrigazzi inizia  il mestiere appassionan-dosi e collaborando con Antonio Catalano; quindi mette in scena numerosi monologhi, lavorando con registi classici e di sperimentazione (tra gli altri  Massimo Navone, Giancarlo Zanetti, Werner Vas, Giulio Baraldi, La Casa degli Alfieri).

Particolarmente interessato alla forma della narrazione e alla drammaturgia contemporanea, ha diretto e interpretato diversi monologhi tra cui (ecco Il poema dei lunatici, tratto dall’opera di Ermanno Cavazzoni, e Il mio doping performance in bicicletta).

Ha inoltre sviluppato uno spettacolo tratto dall’Amleto di Shakespeare con i carcerati del carcere “Sant’Anna” di Modena.

Lavora anche come attore cinematografico (Il ronzio delle mosche di Dario D’ambrosi, Mi fido di tedi Massimo Venier) e televisivo (Nebbie e delitti Bartali, Pantani, Distretto di polizia, Ris).

Nell’ambito del teatro ragazzi e del mondo dei burattini ha portato in giro per l’Italia gli spettacoli  Giacomino di Cristallo e Il Canto di Natale prodotti dal Teatro Stabile di Grosseto e L’Ombra, scritto da Luciano Nattino.

Per assistere al monologo

Come di consueto la prenotazione è al Teatro “Enzo Buarné” obbligatoria; ed è possibile effettuarla tramite  telefono –   al 348.8238263 (Sara) o 339.3055082 (Angela) – o con una mail  indirizzata a  ilteatrodelrimbombo@gmail.com
Il prezzo del biglietto singolo  è di  10 euro, con abbonamento a 30 euro che dà diritto a quattro ingressi (utilizzabile fino a 2 persone per serata).

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close