Genoa in ritiro ad Acqui

Il Genoa ad Acqui in ritiro punitivo

Acqui Terme. Il Genoa torna in ritiro ad Acqui Terme, ma questa volta l’atmosfera non sarà quella gioiosa e piena di speranza che tante volte ha accompagnato i rossoblu nei soggiorni svolti nella nostra città per il precampionato.

Stavolta si tratta di ritiro punitivo, di quelli che si usano per guardarsi in faccia, risolvere eventuali problemi, e ritrovare la compattezza indispensabile per remare tutti insieme nella giusta direzione.

Ad ordinare la clausura è stato il presidente Enrico Preziosi, nella serata di martedì 2 maggio: «Tutti in ritiro fino a nuovo ordine, fino a che raggiungeremo la salvezza, e se fosse retrocessione, staranno in ritiro fino al 28 giugno: da adesso e per almeno due settimane si scordino le famiglie»,

Pugno duro, insomma. E un provvedimento improvviso, che ha colto di sorpresa non solo i giocatori, ma anche la nostra città. Nella giornata di mercoledì, dopo aver completato l’allenamento mattutino al “Signorini” di Pegli, i giocatori rossoblù hanno pranzato insieme a Villa Rostan e quindi sono partiti per Acqui, dove hanno preso alloggio all’Hotel Valentino.

Salvo diversa disposizione, dovrebbero rimanere in città fino alla fine della settimana, allenandosi (in accordo con La Sorgente) presso gli impianti cittadini e in particolare all’Ottolenghi, per preparare il match di domenica 7 contro l’Inter. Poi la comitiva rossoblù partirà direttamente per Palermo, dove è prevista la successiva gara di campionato.

La speranza è che l’aria di Acqui Terme, dove il Genoa ha costruito tante delle sue stagioni gloriose, possa servire all’undici di Juric per uscire da un momento difficile.

M.Pr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *