Un Bonus per vivere a Bormida con richieste da tutto il mondo

Bormida. Quali che siano state le intenzioni del sindaco di Bormida, Daniele Galliano, stanno ormai passando in secondo piano rispetto all’interpretazione del messaggio: dall’anno prossimo il comune di Bormida offrirà un contributo di duemila euro a chi deciderà di affittare o comprare un appartamento e trasferire la residenza in questa amena località dell’entroterra savonese.

Grazie alla facilità con cui si diffondono le notizie attraverso i social network, questa ipotesi, chiamiamola così, ha fatto il giro del mondo e le richieste di informazioni  sono migliaia. La notizia è stata ripresa da vari giornali in lingua spagnola e portoghese, senza contarel’Usa Today, il The Guardian, l’Indipendent.

Al sindaco Galliano non ha potuto fare altro che pubblicare le dovute precisazioni in merito ad una sua iniziativa che è diventata inaspettatamente un fenomeno planetario. Sulla sua pagina Facebook avverte inequivocabilmente, in lingua spagnola e inglese, che il Comune non può offrire né soldi né lavoro e aggiunge: «La mia è stata un’idea da proporre alla Regione Liguria, con la quale sono in contatto, ed estesa solo a livello nazionale. La notizia è stata però riportata in maniera sbagliata ed ha raggiunto un pubblico mondiale. L’Italia è un paese meraviglioso ma come altri in crisi economica, ad oggi sono seguito da più di 17mila persone e purtroppo non è proprio possibile trovare un aiuto per tutti».

Il Comune di Bormida conta meno di 400 abitanti, un numero che tende a diminuire, e pertanto il primo cittadino sta cercando qualche escamotage per arginare il fenomeno tentando di coinvolgere la Regione. Il problema del decremento della popolazione non tocca soltanto Bormida ma un po’ tutti i centri dell’entroterra savonese dove l’esodo causato dalla mancanza di lavoro si associa all’invecchiamento dei residenti. Molti sono purtroppo i decessi e molto poche le nascite.

Il sindaco Galliano ringrazia comunque per l’attenzione dimostrata da tante persone. Di fatto, grazie ad un semplice equivoco, la Valbormida è diventata per un momento il centro del mondo.

Interessante sono anche le diverse motivazioni che hanno spinto cosi tante persone a valutare l’ipotesi di trasferirsi a Bormida. Moltissimi dall’America Latina, forse anche a causa del legame che esiste, a causa delle migrazioni, con quei lontano paesi: «Il mio sogno è quello di vivere in un tranquillo paese di montagna italiano». Tutto questo è stato forse soltanto un sogno e il sindaco Galliano, dopo la sua ultima dichiarazione, valuta l’ipotesi di chiudere la sua pagina Facebook per spegnere i riflettori e ritornare così alla vita normale: «Questo sarà il mio ultimo post e spero di riuscire a fare chiarezza».

PDP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *