Home / Acqui Terme / Blitz dei Carabinieri al cantiere della scuola
Acqui, cantiere della nuova scuola in piazza Allende

Blitz dei Carabinieri al cantiere della scuola

Acqui Terme. Un arresto, quattro denunce e una sanzione di 16 mila euro è il risultato del controllo effettuato dai carabinieri di Acqui Terme, nei cantieri di edilizia scolastica presenti in città. Un controllo effettuato nei giorni scorsi insieme allo Spresal, a seguito di alcune segnalazioni, concentratosi soprattutto nel cantiere di piazza Allende dove è in costruzione la nuova sede della scuola media Monteverde.

Presso tale cantiere i carabinieri hanno riscontrato numerose violazioni alla normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Al termine del controllo, quattro soggetti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria, fra cui il titolare dell’azienda appaltatrice La Seli srl di Monza, i titolari di due aziende subappaltatrici e il coordinatore per la sicurezza, responsabili, a vario titolo, di non aver controllato le condizioni di sicurezza o di non aver fornito gli opportuni dispositivi di protezione.

Ammontano invece a oltre 16.000 euro le sanzioni pecuniarie contestate e che, se saldate nei tempi previsti, permetteranno di estinguere i reati.  Nel corso del controllo, i militari della Stazione di Acqui hanno identificato anche tutti i lavoratori presenti, circa una quindicina, facendo emergere la presenza di un cittadino moldavo di 32 anni, residente nel bergamasco con a carico un mandato di cattura internazionale. L’uomo, accusato di spaccio di sostanze stupefacenti nel proprio paese, è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Alessandria, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, che a breve si interfaccerà con l’autorità moldava per l’eventuale estradizione.

«Le irregolarità non così gravi, sono state tutte sanate e il cantiere ha ripreso regolarmente a funzionare – minimizza il sindaco Enrico Bertero – diverso è il discorso legato all’arresto. Questa persona è stata licenziata come giusto che sia». Per il Primo Cittadino dunque, tutta la questione sarebbe semplicemente un contrattempo cui si è messo immediatamente rimedio. «Sicuramente la nuova scuola media Monteverde sarà pronta per l’inizio dell’anno scolastico, ovvero l’11 settembre. Mi auguro che sarà anche così per la nuova scuola media Bella. Anche perché per ogni giorno di ritardo la società appaltatrice dovrà pagare circa 1200 euro di penale». Una cifra piuttosto consistente se sommata a più giorni. «Sono convinto che nel momento in cui si inizierà a tirare su le pareti della scuola i lavori procederanno in maniera più celere».

Gi. Gal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *