Home / Valle Belbo / Nizza Monferrato / La Corsa delle botti edizione 2017 sul gradino più alto “Le tre Cascine”

La Corsa delle botti edizione 2017 sul gradino più alto “Le tre Cascine”

Nizza Monferrato. La finalissima della Corsa delle botti, edizione 2017, di domenica 11 giugno,  ha visto trionfare, dopo una combattuta e spettacolare gara la squadra degli spingitori che difendevano i colori de “Le tre cascine” che sul traguardo hanno preceduto, di pochi secondi, quella delle Cantine di Incisa (i detentori dello stendardo) che  nel finale hanno superato i Viticoltori di Castelnuovo Calcea.

La Corsa delle Botti 2017 presentava alcune novità: la prima, quello del cambiamento del percorso delle qualificazioni del sabato con lo spostamento dall’area Viale Partigiani-Piazza Marconi al centro storico della città, sull’anello, più corto ma tecnicamente più impegnativo, Piazza del Comune-Piazza XX Settembre-Via Pio Corsi-Via Balbo-Piazza del Comune;  inoltre anche il regolamento era stati rivisto con l’inserimento di alcune puntualizzazioni, visto che il livello della competizione sta qualitativamente aumentando per la presenza di molti “spingitori”  che per questa corsa fanno una preparazione specifica con allenamenti costanti.

Come di consueto la corsa è stata preceduta, sabato 10 giugno, dalle dalla pesatura delle botti (dai 101 Kg. ai 111), dalla marchiatura e dalle prove di qualificazione per determinare, in base ai tempi ottenuti,  le 3 batterie di 4 squadre ciascuna.

Alla domenica si sono svolte le semifinali, le prime due di ogni batteria ammesse alla finale a 6.

Come già anticipato la finalissima sul percorso ormai classico, partenza da Piazza Garibaldi e attraverso  le vie del centro storico, fra due ali di folla lungo tutto il percorso, il  ritorno in piazza Garibaldi da Via Pio Corsi,   è stata molto combattuta con “Le tre cascine”   che hanno imboccato l’imbuto di Via Maestra in testa e poi hanno resistito a tutti  attacchi, presentandosi in testa   al traguardo, fra l’applauso della folla ed il tripudio dei loro sostenitori.

Questa la classifica finale (tra parentesi, tempi e nominativi degli spingitori): 1. Le tre cascine (3’.50”.36 comprensivi di 3 secondi di penalizzazione, come da nuovo regolamento per una lieve infrazione, un concorrente (di un’altra squadra) correva a fianco della botte (per un certo tratto),  che visto il distacco dai secondi non ha influito; Giovine Michele, Auddino Francesco, Iaria Francesco, Barison Umberto); 2. Cantine d’Incisa (3’.56”05; Marco Massimelli, Gallo Andrea, Marchisio Luca, Ameglio Luca); 3. Viticoltori di Cstelnuovo Calcea (3’.59”.81; Roberto Guastello, Lovisolo Davide, Varallo Matteo, Lovisolo GianPiero); 4. Cascina Lana (4’.09”.85); 5: Produttori Bazzanesi (4’.24”.73); 6. Bottega del vino di Calamandrana (4’.42”.06).

Al termine la premiazione  con la consegna dello stendardo ai vincitori; per tutte le squadre un quadretto con una litografia raffigurante la “corsa” di Massimo Ricci ed per tutti gli spingitori una Magnun di Barbera d’Asti Superiore; alla Cantina di Antignano alla sua prima partecipazione, il premio della Pro loco di Nizza alla memoria di Gigi Morando, inventore della Corsa delle botti.

Durante l’intervello fra semifinali e finali  concerto della Banda musicale di  Nizza ed esibizione dei ballerini di Creative Crew di Acqui Terme e Nizza Monferrato.

Speaker della manifestazione: Pier Luigi Berta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *