Home / Acqui Terme / Acqui: si insedia il nuovo consiglio comunale
Lorenzo Lucchini

Acqui: si insedia il nuovo consiglio comunale

Acqui Terme. Il consiglio comunale acquese verrà convocato la prossima settimana. Precisamente giovedì 13 luglio, a fiera conclusa. In quell’occasione di insedieranno i nuovi consiglieri: 10 grillini in maggioranza e 6 i rappresentanti della minoranza. Entrando nello specifico, in maggioranza ci saranno Elena Trentini, Giovanni Rolando, Mauro Galeazzo, Mario Scovazzi, Giulia Cordasco, Pasqua Laperchia, Mauro Ghione, Cinzia Gramola, Mauro Benzi, Sonia Servato. In opposizione, Enrico Bertero, sconfitto al ballottaggio, Renzo Zunino, Marco Protopap, Alessandro Lelli, Carlo De Lorenzi e Emilia Garbarino.

Per avere i nomi di coloro che comporranno la giunta invece, è necessario attendere ancora qualche giorno. «Sarà convocata una riunione giovedì 6 luglio – ha detto il neo sindaco Lorenzo Lucchini – decideremo tutti insieme dopodiché lo comunicheremo ufficialmente». Due però sono i nomi che circolano già da almeno un paio di settimane. Si tratta di Alessandra Terzolo, nicese, alle politiche sociali e quello di Giacomo Sasso, genovese di nascita ma residente a Varazze, ai lavori pubblici e urbanistica. Il neo sindaco ha anche fatto sapere di voler tenere per sè la delega allo sport.

Sarà però importante sapere chi si occuperà del bilancio, così come del turismo e del commercio.  E a proposito di commercio, proprio lunedì 3 luglio il neo sindaco Lorenzo Lucchini ha incontrato Francesco Novello, presidente di Confesercenti e una rappresentanza dei commercianti del centro.  «L’incontro è stato sicuramente interessante – ha detto Novello –  Il Sindaco mi è sembrato disponibile ad ascoltarci il resto lo vedremo passo dopo passo». Fra le richieste dei commercianti del centro c’è stata quella di intensificare le manifestazioni soprattutto durante il fine settimana per attirare più gente possibile. «Non è una cosa impossibile – conclude Novello – se ci si mette di impegno tutti insieme possiamo farcela».

Anche per gli albergatori cittadini, altro importante tassello economico di Acqui, questa amministrazione potrebbe diventare un punto di riferimento. «Sicuramente ci aspettiamo una maggiore collaborazione rispetto al passato – spiega Claudio Bianchini, presidente degli albergatori acquesi – sostanzialmente le cose che chiediamo sono due:  un progetto turistico concreto che ci coinvolga in maniera diretta e che il Comune  faccia valere il suo peso nel consiglio di amministrazione di Terme spa». Ciò che gli albergatori si aspettano, in parole più chiare, è che quel 16% delle quote azionarie ancora pubbliche e in mano al Comune abbiano un peso specifico. «Ci aspettiamo che questa amministrazione tuteli la Città e il termalismo – conclude Bianchini – noi siamo disposti a fare la nostra parte». Intanto, fra le prime azioni della neo amministrazione c’è stata quella di eliminare i parcheggi riservati, in corso Roma, a dirigenti e consiglieri comunali. Quei parcheggi, proprio davanti all’ingresso della Caserma Battisti, sono diventati a disco orario.

Gi. Gal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *