Home / Acquese / Il Ponzonese piange Renzo Barbieri

Il Ponzonese piange Renzo Barbieri

Ponzone. Si è svolto giovedì 5 ottobre, alle ore 10.30, nella chiesa di Piancastagna il funerale di Renzo Barbieri, 51 anni, l’autotrasportatore ribaltatosi con il suo camion, in una scarpata e finendo sul greto del Bormida, lungo la s.p. 25 Cortemilia – Bistagno, tra località Quartino e Bubbio, alle ore 17.30, di sabato 30 settembre. Trasportava una cisterna di acqua potabile per conto di Amag, che da ferragosto fronteggia, in valle ed in Langa Astigiana,     una crisi idrica che non accenna a risolversi. Renzo stava ritornando dal deposito di Cortemilia, dopo aver svuotato la sua cisterna, per fare ritorno ad Acqui. Barbieri avrebbe sbandato all’improvviso, sfondato, il guard rail, abbattuto una quercia, attraversato alcuni filari di un vigneto per precipitare nel vuoto. il camion si è schiantato 30 è più metri sotto, capovolto, tra le pietre ed erbacce, sul greto del fiume Bormida. Purtroppo a nulla sono valsi i soccorsi. Sul posto è subito giunta un’ambulanza della CRI di Monastero, i Carabinieri di Canelli e Bubbio ed i Vigili del Fuoco da Asti e Canelli. Raggiungere il fiume non è stato semplice per i soccorritori, coadiuvati dai sindaci di Loazzolo e Bubbio. Per Barbieri, non c’è stato più nulla da fare. Barbieri era stato Carabinieri a Sassello, aveva conosciuto Daniela Olivieri di Abbasse, frazione di Ponzone, affiancandola nella ditta Edil Olivieri, dove viveva e dove faceva anche l’autotrasportatore e d’inverno si occupava anche dello sgombero neve sull’autostrada. I figli Sonja e Daniele gestiscono la pizzeria “Il laghetto” a Cimaferle. Famiglia nota nel Ponzonese e non solo, dedita al lavoro. Renzo era altruista, disponibile e sempre gentile. Il sindaco Ivaldi rimarca come la comunità ponzonese abbia perso una persona semplice, di grandi valori, sempre pronto per tutto e tutti. E la riprova dell’affetto che tutti nutrivano per lui e la sua famiglia si è avuta ai funerali e al rosario, quando la chiesa non ha potuto accogliere tutti i presenti, che hanno voluto stringersi   Daniela, Sonja e Davide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *