Concerto dell’Orchestra Sinfonica “Bru­ni” di Cuneo

orchestra Bruni di CuneoOvada. Mercoledì 1 novembre, festa dei Santi, “Rebora Festi­val Ovada”, secondo appunta­mento presso la Parrocchia di N.S. dell’Assunta, a cura dell’assessorato comunale alla Cultura.

Alle ore 21 si esibirà l’Orche­stra Sinfonica “Bartolomeo Bruni”: Emir Abeshi, violino; Ni­kolay Shugaev, violoncello; An­drea Oddone, direttore.

Musiche di J. Brahms (Doppio Concerto in la min. op. 102 per violino e violoncello), F. Schu­bert (sinfonia n.8 in si min. D 759 “Incompiuta”) e L. Van Beethoven (ouverture “Leono­re” n.3 op. 72b in do mag.). In­gresso libero.

Torna ad esibirsi ad Ovada l’Orchestra “Bruni” di Cuneo, diretta dal maestro silvanese Andrea Od­done. Tra i valenti strumentisti e il giovane ma bravissimo di­rettore si è consolidato un pro­ficuo rapporto artistico, avvalo­rato dal successo dell’ultima edizione del concerto di Ferra­gosto, trasmesso in diretta da Rai 3 e svoltosi sui monti di Sestriere.

In questa occasione, sono di particolare rilievo i solisti impe­gnati nel Doppio Concerto di Brahms: Abeshi, attuale spalla del Deutsche Radio Philarmo­nie e componente del trio “Spiegel” e Shugaev, violoncel­lista dello stesso Ensemble. Il Doppio Concerto di Brahms è l’ultimo lavoro sinfonico del compositore tedesco e ne rap­presenta la completa maturità espressiva, caratterizzata da idee melodiche assai chiare, unite ad un trattamento decisa­mente vario della parte solisti­ca.

Altrettanto profonda è la sinfo­nia conosciuta come “incom­piuta” di Schubert. Contraddi­stinta da un tono drammatico, rappresenta una delle pagine più celebri del grande compositore viennese.

Conclude il programma una delle più avvincenti composi­zioni di Beethoven, che esalta spontaneità e vigore come po­che ouverture del genio di Bonn

                                                                                                                

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *