Home / Acqui Terme / All’anagrafe si potrà dire se si vuol donare gli organi
Comune di Acqui Terme

All’anagrafe si potrà dire se si vuol donare gli organi

Acqui Terme. Arriva una novità all’Anagrafe. Il Comune di Acqui Terme dal 6 novembre ha messo a disposizione di tutti i cittadini acquesi la possibilità di dichiarare la propria volontà alla donazione degli organi al momento del rilascio della carta d’identità, aderendo così alla campagna promossa dal Centro Nazionale Trapianti “Una Scelta in Comune”.

Il cittadino avrà la possibilità di effettuare questa scelta in totale libertà e nel modo più rapido possibile. Questa modalità si aggiungerà alle altre già esistenti e che permettono alle persone di manifestare le proprie intenzioni in ordine alla donazione di organi, tessuti e cellule.

Ad Acqui Terme sarà possibile rivolgersi allo sportello ASL, all’Aido della sezione di Alessandria oppure all’Ufficio Anagrafe del Comune.

La possibilità di trasmettere le dichiarazioni rese dai cittadini al momento del rilascio della carta d’identità è legata all’implementazione della suite applicativa HyperSIC della AP Systems, che comunica con la banca dati del Ministero della Salute.

Nelle linee-guida sono riassunte le procedure per attivare il servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio della carta d’identità. L’Ufficio Anagrafe non potrà fornire spiegazione di tipo tecnico-sanitario e la dichiarazione non verrà trascritta sulla carta d’identità. Sarà il cittadino che dovrà fare richiesta e verrà rilasciato, a conclusione, un modulo di adesione non vincolante da firmare e da conservare.

«La donazione degli organi e dei tessuti è un bellissimo atto di solidarietà verso il prossimo – ha affermato l’Assessore alle Politiche Sociali Alessandra Terzolo. – Siamo felici di aver attuato un nuovo servizio per la cittadinanza. È nostro interesse, come istituzione, fare in modo che si diffonda una forte sensibilità su questo tema e che vi sia un aumento del numero di dichiarazioni sul territorio, sarebbe un grande gesto di civiltà».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *