Home / Valle Stura / Andrea Doria 1956 il “mistero” svelato
Copertina libro Andrea Doria 1956

Andrea Doria 1956 il “mistero” svelato

Masone. Venerdì 10 novembre, alle ore 21, al Museo Civico Andrea Tubino di Masone, Aldo Caterino presenterà il libro, di cui è autore insieme a Vincenzo Landi, «Andrea Doria 1956. Sessant’anni dopo: il “mistero” svelato».

Alla presentazione è abbinata una proiezione di immagine storiche. L’ingresso è libero.

Poco dopo le 23 del 25 luglio 1956, a 190 miglia da New York, nelle acque di Nantucket, in mezzo all’Oceano Atlantico, due navi passeggeri si scontrarono nella nebbia: la svedese Stockholm e l’italiana Andrea Doria, che affondò 11 ore dopo, mentre la Stockholm, pur rimasta senza la prua, poté rientrare a New York con i propri mezzi. Le vittime furono 52, 46 sull’Andrea Doria e 6 sulla Stockholm, tutte tranne tre uccise in conseguenza diretta dell’urto: una bambina di quattro anni e una donna di quarantotto morirono in seguito a due disgraziati incidenti durante le operazioni di salvataggio e un terzo passeggero morì d’infarto nelle ore successive al salvataggio. Fu una tragedia nella tragedia, perché tutte le altre persone a bordo delle due navi uscirono sane e salve dal disastro, e l’operazione di salvataggio che portò al recupero delle 1.660 persone, passeggeri ed equipaggio, dell’Andrea Doria è ricordata come la più importante e meglio riuscita nella storia della marineria.

I due autori, uno storico navale e un ingegnere elettronico, svelano quello che, da sessant’anni, continua a essere chiamato il “mistero” dell’Andrea Doria, perché, in fondo, non c’è alcun mistero, tutto è noto, da anni, con sufficiente precisione: alcune cose sono state verificate, su altre il velo di riservatezza steso dalle compagnie armatrici non è mai stato sollevato ufficialmente, ma, come recita uno dei più famosi aforismi di Giulio Andreotti, “A pensar male degli altri si fa peccato, ma difficilmente si sbaglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *