Virgo fidelisSolenne cerimonia per la Virgo Fidelis

Solenne cerimonia per la Virgo Fidelis

Acqui Terme. Solenni cerimonie per celebrare la Virgo Fidelis. Nella circostanza dei 200 anni di fondazione dell’Arma dei Carabinieri (1814 – 2014), la sezione acquese dell’Associazione Nazionale Carabinieri ha voluto ricordarne la storia con la realizzazione di un segno permanente. Nonostante le grandi difficoltà, grazie al sostegno morale e al contributo di tanti, ciò è stato possibile e tutti possono goderne l’architettura e la frescura estiva, non disgiunta dall’apprezzamento del risanamento dei “giardinetti” di piazza Italia.

Sul luogo di una degradata fontana, ora insiste il monumento al Carabiniere e, da domenica 26 novembre, si può ammirare anche una bellissima stele marmorea della Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dal 1949, copia fedele della nota immagine sacra.

Di fronte ad un plotone di Marescialli al comando del capitano Ferdinando Angeletti, comandante della Compagnia di Acqui Terme, si è svolta una sobria ma significativa cerimonia commemorativa.

Erano presenti il Sindaco di Acqui Terme, Lorenzo Lucchini, rappresentanti della Polizia Stradale, della Guardia di Finanza e della Polizia Urbana, appartenenti alle Associazioni degli Alpini, dell’Arma Aeronautica, della Marina, diversi munifici sostenitori del complesso monumentale, numerosi soci dell’Associazione Nazionale Carabinieri delle sezioni di Carpeneto, di Ovada, Bubbio e di Acqui, con i loro famigliari, alcuni Sindaci del circondario, e un nutrito stuolo di cittadini.

Dopo l’alzabandiera e l’inno nazionale, il Sindaco Lucchini e il giovane socio sostenitore, dott. Matteo Ravera, hanno proceduto allo scoprimento della stele.

Il Vescovo di Acqui, S.E. Mons. Micchiardi, ha proceduto ad invocare l’intercessione divina e a pregare la Madonna, affinché l’insegnamento della sua fedeltà sia di esempio fulgido per tutti noi a tutela di giustizia sociale e senso civico. […]

Dopo la S. Messa in cattedrale, presso il locale Comando Compagnia, il capitano Angeletti ha consegnato elogi a diversi sottufficiali e militari che si sono distinti nell’individuazione e arresto dei colpevoli di vari gravi reati.

La giornata si è conclusa con un banchetto presso il ristorante “Al Brunale” di Cassine.

Un particolare ringraziamento a Don Lorenzo Mozzone, già Carabiniere esemplare, che ha voluto presenziare all’incontro.

“Viva l’Arma dei Carabinieri, viva l’Italia”.

Gianni Ravera

(Presidente A.N.C. Acqui Terme)

 

Da L’Ancora n.45 del 3 dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *