Ovada, il Premio "Rinal­do Carosio" a Federico Borsari

Ovada, il Premio “Rinal­do Carosio” a Federico Borsari

Ovada. Il premio “Rinaldo Ca­rosio”, nato per ricordare la prematura scomparsa di uno dei soci fon­datori del Lions Club ovadese, Rinaldo Carosio appunto, giornalista, regista televisivo, pioniere del­la televisione locale e portatore della promozione della cultura del territorio.

In suo ricordo il Lions Club ha istituito un premio destinato ad una persona che si sia partico­larmente distinta per la sua opera professionale e per la di­vulgazione della cultura del ter­ritorio ovadese”.

Quest’anno il premio é stato consegnato a Federico Borsa­ri, organista e ornagologo, che ha ereditato dal padre Gino an­che la passione per la storia.
Il suo lavoro è diventato un vero e proprio oggetto di culto tra gli appassionati del genere.
Basta ascoltare le note di “Or­gan works”, il cd che raccoglie le musiche da lui composte e che nell’ottobre del 2017 sono state suonate a Roma nella Chiesa di San Paolo dentro le Mura da Roberto Marini, consi­derato uno dei maggiori inter­preti italiani di fama internazio­nale.

Al meeting lionistico di giovedì 10 maggio è intervenuta, tra gli altri, la presi­dente dell’associazione “Amici del Museo dell’arte orafa Va­lenza”, dott.ssa Maria Grazia Molina.
L’associazione ha l’obiettivo di sal­vaguardare la cultura orafa va­lenzana attraverso la raccolta di materiali attinenti la produ­zione dei monili, e di promuo­vere lo studio di aziende e di artigiani che hanno contribuito ad accrescere il prestigio e il successo produttivo del distret­to orafo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *