Ovada

La Scuola Primaria di Silvano in visita alla “Galleria Silvanese”

Silvano d’Orba. Mercoledì 6 giugno per la Scuola Primaria è proseguita la visita, alla presenza di soci del Circolo sorico-culturale “Ir Bagiu”, alla “Galleria Silvanese”, l’esposizione permanente delle gigantografie raffiguranti il paese.

Le foto sono quasi tutte di Dominick Motta, americano e figlio di emigranti silvanesi, che nel 1953, nel suo viaggio in Europa per obblighi militari, ha scattato al paese natio dei suoi genitori. Il prezioso materiale fotografico è stato donato da Dominick al Circolo, come tributo a Silvano e come appartenenza al paese, anche se in modo indiretto. Ed il Circolo è stato l’artefice dell’esposizione permanente, grazie anche alla collaborazione dell’Amministrazione Comunale, che ha messo gratuitamente a disposizione i locali.

Le spiegazioni del 5 giugno sono state tenute da Giovanni Calderone, Claudio Passeri, Pierfranco Romero e Franco Giglioli, che hanno intrattenuto alunni e maestri/e con una visita guidata ed approfondita della Galleria. Non sono mancate alcune parentesi su ambiti e tradizioni del paese, che emergono da particolari delle fotografie.

Grande interesse è stato dimostrato dagli alunni, che hanno partecipato attivamente al dialogo, sia con domande pertinenti, che con contributi che conoscevano sul paese: non raro che molti bambini conoscessero aspetti, luoghi o nozioni storiche su Silvano.

Alla visita hanno partecipato il sindaco Ivana Maggiolino e il consigliere alla Pubblica Istruzione Annalisa Cannizaro.

“Siamo contenti – hanno detto Giovanni Calderone e Claudio Passeri del Circolo – che insegnanti ed alunni abbiano mostrato sincero interesse per la storia del loro paese. Perché se è vero che il futuro è in avanti, ha però bisogno di essere ancorato al presente ma ancor più al passato, ovvero alle nostre radici storico-culturali. Nessuna strada è possibile se non conosciamo prima chi siamo davvero”.

“Siamo orgogliosi – ha puntualizzato il sindaco Maggiolino – che a Silvano possa esserci questo ‘Piccolo Louvre’, non solo come valore artistico ma soprattutto come segno tangibile del ricordo e del vissuto dei tanti silvanesi che hanno operato su queste terre. E siamo felici che gli alunni delle scuole abbiano mostrato vivo interesse nel visitarlo, poiché per loro sarà un giorno il testimone da passare alle generazioni future”.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close