Pallapugno serie A - Paolo Vacchetto supera un forte Dutto e va in coppa

Pallapugno serie A – Paolo Vacchetto supera un forte Dutto e va in coppa

Araldica Pro Spigno 11

Alta Langa    9

Spigno Monferrato. Nella serata di sabato 7 luglio, a Spigno Monferrato l’Araldica Pro Spigno (Paolo Vacchetto, Michele Giampaolo, Lorenzo Bolla, Emanuele Prandi, riserva Matteo Pola, d.t. Alberto Bellanti)ha vinto l’incontro contro  l’Alta Langa di San Benedetto Belbo: Davide Dutto, Davide Arnaudo, Davide Iberto, Daniele Panuello, riserva Mattia Dalocchio, d.t. Gianni Costa. Le 150 persone presenti si sono divertite e splellate le mani per le giocate dei singoli giocatori. Gara durata 3 ore e 35 minuti e alla fine, al 20º gioco ha visto i padroni di casa imporsi per  11 a 9. Incontro da vertice di  classifica, tra la 3ª e la 4ª, tra le quadrette di Paolo Vacchetto e Davide Dutto, i giovani che sono cresciuti di più. Gara importante, classifica a parte, per l’accesso, per il vincitore, alla semifinale della Coppa Italia (le 2 squadre migliori del girone di andate  e quelle del girone di ritorno e che vedrà Federico Raviola opposto a Paolo Vacchetto e Bruno Campagno contro Massimo Vacchetto). Araldica Pro Spigno e Alta Langa ai play-off già da diverse giornate del girone di ritorno del massimo campionato di serie A di Pallapugno. Gli 8 giocatori delle due quadrette, tutti protagonisti nel corso della gara e lunghi applausi dei presenti hanno rimarcato le belle giocate nel corso della partita, diretta dagli arbitri Ezio Servetti di Murialdo e Andrea Ferracin di Cairo.  Partenza fulminea dell’Alta Langa che si porta subito sul 3 a 0, con 4 falli di Vacchetto (2 in battuta e 2 al ricaccio) e 2 di Giampaolo in questi primi giochi. Una partenza che avrebbe tagliato le gambe a chiunque ma non all’Araldica Pro Spigno di quest’anno, una quadretta forte, sulla carta, all’inizio della stagione, che nel girone di ritorno ha dimostrato che la fiducia era  ben riposta e Paolo ha fatto il salto, batte lungo, ricaccia bene al volo ed è sempre in partita. Poi continuando sui giochi,  2 a 3 per Dutto  e 2 a 4 ancora per Dutto, quindi 3 a 4, e al riposo si va sul 4 a 6 per gli ospiti alle ore 22.30. Nella ripresa Vacchetto conquista 4 giochi e si porta sull’8 a 6, 8 a 7, 8 pari, poi 9 a 8 per i locali, 9 pari di Dutto.  E l’Araldica Pro Spigno chiude sull’11 a 9. Giochi sempre lottati  e tanti sul 40 pari. Paolo Vacchetto, quest’anno è cresciuto in battuta, costante 72-75 metri (così anche Dutto) e al ricaccio, con una squadra che nei momenti decisivi c’è. Giampaolo mette a terra i palloni come nessun’altro (la spalla più forte è concreta della serie A), Bolla al muro è determinante (con Rinaldi il più forte) e Prandi al largo è numero uno (con Marco Parussa). Dutto è da 2 anni il giovane più completo e continuo, Arnaudo devi evitarlo (vedi Giampaolo) se no vola i palloni e i 2 terzini che la loro gara è sempre più che sufficiente e sono continui. Ora Vacchetto e c. sono saldamente al 3º posto in classifica, con un grande girone di ritorno e d’ora in poi saranno dolori per tutti. Dutto è 4º in coppia con Massimo Vacchetto a 2 punti di distanza da Paolo (10 a 12 punti). L’Araldica Pro Spigno c’è l’Alta Langa per il 2º anno si conferma ai play off.

Ulteriori dettagli su L’Ancora in edicola giovedì 12 luglio. G.S.     

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.