Ovada

Il lavoro domenicale e festivo per la Cisl

Ovada. Per la Cisl è un buon segnale che il Parlamento voglia ridi­scutere la liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi e dei centri commerciali nelle giornate domenicali e festive.

“Si può trovare una soluzione alternativa e condivisa da tutti alla liberalizzazione selvaggia dell’apertura di negozi e centri commerciali che non ha sortito l’effetto sperato, né sugli au­menti di fatturato delle impre­se, né sull’aumento dei posti di lavoro. La strada migliore per noi è quella di riaffidare questa com­petenza alla contrattazione territoriale tra Comuni, azien­de e sindacati, in modo da ga­rantire la giusta flessibilità negli orari, turnazioni regolari, una maggiore retribuzione per i la­voratori e, soprattutto, la volon­tarietà della prestazione dome­nicale e festiva, distinguendo anche tra zone turistiche e luo­ghi fuori dal contesto urbano” – sottolinea Marco Ciani, segre­tario generale Cisl Alessan­dria-Asti.

“La materia delle aperture commerciali e del lavoro do­menicale deve essere neces­sariamente ricondotta ad un confronto concertativo ed alla contrattazione tra aziende e sindacati maggiormente rap­presentativi, d’intesa con le amministrazioni locali, attraver­so accordi sindacali che tuteli­no i diritti fondamentali dei la­voratori e la volontarietà di una prestazione che deve essere sempre retribuito in maniera di­gnitosa.  È quello che cerchia­mo di conciliare in tanti accordi sindacali nazionali ed azienda­li, specie nel settore del com­mercio e turismo ma questo non avviene in tutti i luoghi” – puntualizza l’ovadese Cristina Vignolo, segretaria generale Fisascat Cisl Alessandria-Asti.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close