Acqui Terme

Il Brachetto punta all’innovazione

Acqui Terme. Prospettive per la filiera del brachetto piemontese che, ancora non fuori da un periodo di turbolenze commerciali, imbocca decisamente la strada dell’innovazione.

Se ne è parlato giovedì, 15 novembre, all’enoteca regionale di Acqui Terme di cui è presidente Annalisa Vittore.

Al tavolo dell’incontro con i media e i produttori voluto dal Consorzio di Tutela, oltre al presidente dell’ente consortile, Paolo Ricagno, c’erano l’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte, Giorgio Ferrero; quello al Commercio del Comune di Acqui Terme, Lorenza Oselin con Andrea Pirola della White, agenzia di comunicazione marketing che, per il Consorzio, ha elaboratore e gestisce una campagna su social e web.

Ricagno e Oselin hanno affrontato il tema della diffusione del Brachetto, nelle due tipologie dolce e dry rosé, sia nel territorio di produzione che fuori dall’area.

«Come Comune di Acqui Terme, vocato al turismo e all’accoglienza daremo tutto il supporto possibile a iniziative di conoscenza e consumo dei vini a base brachetto» ha detto Oselin.

Ricagno ha parlato di orgoglio di territorio, della necessità di promuovere i vini dell’area del brachetto e del nuovo Acqui docg Rosé che, secondo il presidente, può rappresentare davvero la chiave di volta per l’intera filiera. «Non è solo l’appeal di un nuovo prodotto – ha detto Ricagno – l’Acqui docg Rosé è un progetto che pensa in grande e guarda al futuro. Solo ottimista sul fatto che le aziende spumantiere ne faranno una loro bandiera anche in considerazione delle ottime performance che gli spumanti rosati hanno in Italia e nel mondo. In più – ha aggiunto Ricagno – avremo anche la possibilità di fare imbottigliare questo prodotto fuori dalla zona di produzione, con riferimento alla zona del Nord Est dove ci sono grandi maison interessate all’Acqui docg Rosé. Questo amplierà la platea di etichette con un conseguente aumento della produzione e del reddito agricolo».

Tags

Un commento

  1. Complimenti a Paolo Ricagno e a tutto il suo Staff per l’impegno e la passione che accompagna l’innovazione. Ottimo il Dry Rosè e spero che porti tutto il successo che si merita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close