Ovada

“Anche tu per Ovada”: un progetto per far lavo­rare insieme mi­granti e ragazzi del luogo

Ovada. Negli anni 2015/2016 anche Ovada è stata interessata dal fenomeno migratorio. L’Amministrazione comunale, giustamente preoccupata, con­vocò riunioni con le associazioni locali, per verificare come integrare questa gente disperata, che fuggiva da guerre, persecuzio­ni, fame. Le assemblee si sus­seguirono ma poi finirono senza nulla di concreto e restammo in pochi con il cerino in mano.

«Dovevamo fare qualcosa… quella gente guardata con diffidenza da troppi era gente disperata, con la sola col­pa di essere nata nel continen­te più ricco del mondo, di cui noi ci siamo fatti predoni. Soprattutto negli ultimi trent’anni l’Africa è stata depre­data dall’Occidente delle sue materie prime, ce le siamo portate vie senza pagare un soldo, altro che “aiutiamoli a casa loro…”.

Tutti sappiamo, ma lo dimentichiamo, che il materiale per il funzionamento dei telefonini si estrae in Afri­ca. Forse non tutti sanno che servono 15 kg. di cobalto per ogni auto elettrica ecologica, cui auspichiamo l’avvento. Il cobalto si estrae in Africa e la paga per gli estrattori varia da 2,5 euro a 5 al giorno.

Dovevamo intervenire… dei volontari, con l’aiuto dell’allora parroco don Giorgio Santi, formarono un gruppo, aderente alla Cari­tas, “An­che tu per Ovada”, che chiese al Comune di poter fare lavori di pubblica socialità. Con l’aiuto concreto della Caritas,  a gennaio 2017 si è ini­ziato ad operare sul territorio.

È stata ripristinata la Via del Fiume (ridanneggiata poi da vandali), il viale del Ler­caro, le panchine di Lung’Orba e di viale Stazione Centrale. Ora “Anche tu per Ovada”, sotto la guida di don Maurizio Benzi, sta affinando un progetto, per far lavorare insieme migranti ed indigeni.»

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button