Acqui TermeDiocesi

L’AC interparrocchiale ad Acqui al servizio della comunità pastorale

Sabato 8 Dicembre a San Francesco la Festa dell’Adesione

I grandi cambiamenti portati dall’arrivo del nuovo parroco don Giorgio e dei suoi vice don Gianluca e don Salman e dalla costituzione di una comunità pastorale cittadina hanno coinvolto pienamente l’Azione Cattolica ad Acqui citta, che ha fatto la sua scelta di interparrocchialità ormai 12 anni fa.

Nella logica del servizio che ci è propria abbiamo quindi accolto con gioia l’invito che ci veniva rivolto affinchè la nostra proposta aumentasse, nonostante le risorse abbastanza limitate al momento.

In particolare, la richiesta più faticosa ed emozionante è stata quella di far ripartire un gruppo ACR aperto ai ragazzi dagli 8 ai 14 anni. Grazie alla disponibilità delle educatrici e alla presenza costante di don Salman e delle suore… dal primo dicembre daremo di nuovo avvio a questa esperienza!

L’appuntamento più importante: la festa dell’adesione

Il momento culmine del nostro anno associativo sarà, come sempre, l’8 Dicembre (sabato), in cui festeggeremo la nostra adesione all’Azione Cattolica. Il programma della giornata è essenziale ma sostanzioso allo stesso tempo:

10.30: partecipazione alla Santa Messa a San Francesco, con consegna dello Statuto AC alla comunità e benedizione delle tessere. A seguire, in mattinata: saluto e partecipazione, per chi può e vuole, alle celebrazioni eucaristiche in Duomo e Pellegrina

13.00: pranzo di condivisione

15.00: ACR per i più piccoli e – in contemporanea – meditazione per gli adulti sul brano di Marta e Maria (“di una cosa sola c’è bisogno”)

17.00: preghiera finale tutti insieme e saluti finali

Quest’anno in particolare vogliamo rinnovare con forza ed evidenza il senso del nostro servizio e – pertanto – nelle messe principali della mattinata “consegneremo” il nostro statuto alla comunità, leggendo pubblicamente alcuni articoli di esso, per ribadire il senso della nostra presenza fedele alla Chiesa.

Perché aderire all’AC

Aderire all’AC, ad Acqui come in tutta Italia, è una strada attraverso cui maturare la propria vocazione alla santità, viverla da laici, svolgere il servizio che ne consegue. Nella nostra città siamo presenti da più di un secolo e anche quest’anno rinnoviamo il nostro impegno e la nostra fedeltà per la Chiesa di Cristo, in collaborazione diretta con i pastori, responsabili interlocutori di  +Luigi che ci ha chiesto di essere laici disponibili , maturi e responsabili. Vogliamo essere aperti ai fratelli e al mondo per realizzare la “chiesa in uscita” che Papa Francesco ci sprona a realizzare.

Nel nostro statuto (art3) si legge: che “I laici che aderiscono all’ACI:

  1. si impegnano a una formazione personale e comunitaria che li aiuti a corrispondere alla universale vocazione alla santità e all’apostolato nella loro specifica condizione di vita;
  2. collaborano alla missione della Chiesa secondo il modo loro proprio portando la loro esperienza ed assumendo la loro responsabilità nella vita dell’Associazione per contribuire alla elaborazione e alla esecuzione dell’azione pastorale della Chiesa, con costante attenzione alla mentalità, alle esigenze ed ai problemi delle persone, delle famiglie e degli ambienti;
  3. si impegnano a testimoniare nella loro vita l’unione con Cristo e ad informare allo spirito cristiano le scelte da loro compiute con propria personale responsabilità, nell’ambito delle realtà temporali.”

 

Per una chiesa a misura di famiglia: cristiani ad Acqui, persone di Parola!

Una proposta per tutte le età

Un tempo si diceva che l’Azione Cattolica, ex chorde ecclesia, era la proposta “dalla culla alla tomba”. Oggi, provando ad aggiornare un po’ il nostro linguaggio possiamo dire che è una proposta completa, a misura delle necessità di tutte le età della vita. Si inizia da piccoli, con la “catechesi esperienziale”, si prosegue da giovani, con le dinamiche di formazione gruppale, per continuare lungo tutta l’età adulta con momenti di formazione, crescita e scambio. Spiritualità e servizio si rispecchiano costantemente. L’Azione Cattolica da sempre si occupa anche di formare le coscienze, per portare “la veste battesimale sul luogo di lavoro e  la tuta da lavoro sotto l’altare” (don Tonino Bello).

Ecco i dettagli di questa proposta e i nostri riferimenti.

Per i bimbi e i ragazzi: sempre più piccolissimi e… riparte l’acr!

Prosegue con successo la proposta per i bimbi dai 3 ai 7 anni, durante la Santa Messa delle 10.30 (ex messa delle 11) a San Francesco. Per far incontrare Gesù ai più piccoli e avvicinarli alla liturgia.

Per INFO: Claudia 3492931022 | Francesca 3246908123

Dal 1 Dicembre riparte ad Acqui l’ACR – Azione Cattolica dei Ragazzi – la bella proposta di catechesi esperienziale che coniuga gioco e formazione, permettendo di crescere nella Fede, rispettando le tappe di sviluppo.

Per ora si comincia con il tempo di Avvento, ogni sabato, dalle 15 alle 17. Le educatrici saranno affiancate costantemente da don Salman.

Per INFO: Serena 3403016362 | Francesca 3246908123

Per i giovani: un cammino a più tappe

I giovani ad Acqui hanno la possibilità di vivere una esperienza gruppale di qualità, grazie ad un gruppo giovani diocesano, che si riunisce periodicamente.

La prima data di quest’anno è stata il 23 Novembre, quando si sono trovati a San Francesco più di 30 tra giovani e giovanissimi.

La serata è stata incentrata sull’icona biblica di Marta e Maria, sia perché brano guida dell’AC per l’anno 2018/2019, ma soprattutto come occasione per riflettere sullo stile con cui stare alla presenza di Gesù. In pieno stile AC, la proposta è stata fatta attraverso attività, la proposta di una meditazione del Papa (Angelus Papa Francesco 21 luglio 2013) e la condivisione a piccoli gruppi: in questo modo è stato affrontato il tema dell’equilibrio nella nostra vita tra ascolto della parola e il servizio concreto al prossimo.

Per accogliere Cristo nelle nostre vite non possiamo dividere preghiera e azione; il lavoro, lo studio e i nostri doveri non devono portarci a dimenticare l’attenzione alle persone, il papa ci ricorda che attraverso il servizio ai fratelli bisognosi si cura la relazione con Dio stesso.

L’incontro si è concluso con un momento di preghiera in cui Don Giorgio Santi ci ha aiutati a leggere il vangelo: “una sola è la cosa necessaria”, l’ascolto della Parola mantiene un primato nella vita del cristiano perchè da essa scaturisce la capacità di accoglienza del signore e dei fratelli.

 

I prossimi incontri: 29 MARZO ad Ovada e 31 maggio a Canelli

Per INFO: Francesco 3282406710 | Erika 3453248438

 

La doppia proposta per gli adulti

Per gli adulti interessati ad un percorso formativo annuale è già attivo da molti anni il percorso del gruppo adulti interparrocchiale e zonale. seguendo il percorso formativo dell’ac adulti “Generatori” Gli incontri si svolgono presso il centro diocesano Aci di Acqui il sabato sera alle ore 21. A turno un componente del gruppo prepara l’incontro, seguendo il metodo proposto dal testo. Il gruppo partecipa alle iniziative diocesane e ai momenti unitari dell’associazione interparrocchiale, collabora alla vita della comunità ecclesiale

Prossima data: Sabato 15 Dicembre. Per INFO: Vittorio 3737823137

Inoltre, una (parziale) novità: il percorso di Avvento e Quaresima dal titolo “parole per Persone di Parola”, un cammino aperto a tutti per vivere in pienezza i tempi forti della liturgia.

Ecco le date e le parole scelte (dai brani di Vangelo della Domenica) per L’AVVENTO 2018

  • Lunedì 3 Dicembre, h 21: SEGNO (Lc 21,25-38/34-36), presso la parrocchia del Duomo
  • Lunedì 10 Dicembre, h 21: STORIA (Lc 3,1-6), presso la parrocchia di San Francesco
  • Lunedì 17 Dicembre, h 21: TEMPO/ATTESA (Lc 3,10-18), presso la parrocchia della Madonna Pellegrina

Per INFO: Emanuele 3494410098

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close