Acqui Terme

Il maltempo fa aumentare i prezzi delle verdure al dettaglio: +7%

Acqui Terme. “Siamo preoccupati per le previsioni meteo decisamente negative previste per il fine settimana, soprattutto per eventuali temporali con grandine, la più temuta per i danni irreversibili che provoca alle coltivazioni di frutta e verdura nei campi”.

E’ quanto afferma il presidente di Coldiretti Alessandria Mauro Bianco nel sottolineare che proprio nelle zone interessate dall’arrivo del maltempo sono particolarmente concentrate le coltivazioni di frutta e verdura. Rischia così di salire il conto dei danni subiti nelle campagne alessandrine già interessate dal maltempo dello scorso sabato.

Forti precipitazioni e basse temperature che fanno classificare fino ad ora il mese di maggio come il più freddo degli ultimi 15 anni: la pazza primavera ha colpito  in un momento particolarmente delicato per l’agricoltura con le semine, le verdure e gli ortaggi in campo e le piante che iniziano a fare i primi frutti.

E il maltempo fa aumentare i prezzi delle verdure al dettaglio del 7% rispetto allo scorso anno. Tra le colture più colpite ci sono sicuramente le ciliegie e gli ortaggi a partire da insalate e radicchi con effetti che si faranno sentire al mercato soprattutto nelle prossime settimane quando si inizierà a raccogliere anche l’altra frutta estiva.

“Il risultato è un calo atteso dell’offerta di prodotti con effetti sulla spesa che deve fare i conti con la variabilità delle quotazioni segnalata dagli ultimi dati dell’Istat con i fenomeni speculativi sui prezzi al consumo che rischiano di innescarsi per colpa delle distorsioni di filiera, a scapito dei consumatori e dei produttori. – ha aggiunto il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – I cambiamenti climatici colpiscono le imprese agricole con lo sconvolgimento dei normali cicli colturali che impattano sul calendario e sulle disponibilità con effetti concreti anche per i cittadini che devono affrontare le fluttuazioni anomale dell’offerta e dei listini dei prodotti che mettono nel carrello”.

Per ottimizzare la spesa, ottenere il miglior rapporto prezzi-qualità e aiutare il proprio territorio e l’occupazione, il consiglio della Coldiretti è quello di verificare l’origine nazionale, acquistare prodotti locali che non devono subire grandi spostamenti, comprare direttamente dagli agricoltori nei mercati o in fattoria e non cercare per forza il prodotto perfetto perché piccoli problemi estetici non alterano le qualità organolettiche e nutrizionali, i cosiddetti “brutti ma buoni”.

In un momento di grande difficoltà si tratta di un atto di solidarietà a favore degli agricoltori, ma anche di un aiuto al proprio benessere in vista dell’estate con il consumo di alimenti, come le insalate o la frutta fresca, indispensabili per la salute e per mettersi in forma.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close