Acquese

Cortemilia in festa per la milionesima torta di nocciole di Giuseppe Canobbio

Cortemilia. In tanti sono arrivati da ogni dove, alla sua “corte” per festeggiare il “re” dei dolci alla nocciola, Giuseppe Canobbio, che nel tardo pomeriggio di sabato 6 luglio sino a notte, davanti a “La corte di Canobbio” in piazza Oscar Molinari a Cortemilia, in borgo San Michele, insieme alla moglie Ester e alle figlie Paola, Claudia e Barbara, ai nipoti e generi ha tagliato il traguardo della milionesima torta di nocciole “Tonda Gentile di Langa”. Il maestro pasticcere Giuseppe (Beppe) Canobbio, artigiano, autodidatta, 83 anni, nativo di Vesime, ma cortemiliese di adozione ha reso felici tantissime persone grazie alle sue creazioni. I cortemiliesi, la gente delle valli Bormida e della Langa si è stretta intorno al re, alla sua Ester e alla sue figlie, che ha ricambiato con una grande festa di ricordi, emozioni e sguardo al futuro e  a qualche dolce di nocciola, un bacio ancora da creare…

Il tutto è iniziato dopo le 17 con scene di teatro dialettale con Oscar Barile e Paolo Tibaldi, quindi la chiaccherata tra amici su “La nocciola più buona del mondo”, sotto l’attenta regia di Luciano Bertello, che ha coinvolto il medico nutrizionista Giorgio Calabrese (sostenitore della Dieta intelligente), Silvio Barbero, vice presidente Università Scienze Gastronomiche di Pollenzo e cofondatore di Slow Food, il maestro pasticcere e chef Luca Montersino, Paolo Becarelli, giornalista enogastronomico, già caporedattore della rivista Cucina Italiana, Beppe Gandolfo, telegiornalista inviato dei Tg di Mediaset e Davide Rampello, regista televisivo, direttore artistico e inviato di Striscia la Notizia. E commercianti e industriali della nocciola come Graziano Meistro, Flavio Benvenuto, Piero Mollea (Nocciole Marchisio). C’era l’amico di sempre Beppe Romano Dogliotti (Caudrina), vignaioli di Castiglione Tinella, presidente del Consorzio di Tutela dell’Asti Docg (come si sposano bene i dolci di Beppe con il moscato e l’Asti di Romano). E poi Renato Cirio e Piermassimo di “Madonna della Neve” di Cessole. E tanti altri amici di 56 anni di vita per i dolci di nocciola… Quindi il grande aperitivo con l’Alta Langa della Cantina Contratto accompagnato dalle dolci delizie di nocciola di re Canobbio, il buffet con un piatto (tagliatelle al ragù, che sono una poesia) creato dalla cuoca Gemma Boeri dell’Osteria di Roddino definita “la purezza del mangiare in Langa”, e poi il taglio della milionesima torta con un viaggio nel mondo della nocciola “dai Re magi a Re Canobbio” (racconto presentato da Donatella Avanzo) e la presentazione del video aziendale di Alessandro Rota.   G.S.

dettagli su L’Ancora n.27/2019, in edicola giovedì 11 luglio.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close