Acqui Terme

Distribuzione dei giornali locali, l’Uncem chiede una migliore capillarità e tempi certi

Acqui Terme. Nelle proposte fatte da Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani) a Poste Italiane per migliorare e rendere smart i servizi nei piccoli Comuni, vi sono anche la necessità di stabilizzare i precari e aumentare il personale nelle aree periferiche, negli uffici dei Comuni più interni e montani del Paese, e l’urgenza di migliorare la distribuzione dei giornali, quotidiani ma soprattutto settimanali regionali e locali. In molte Regioni, questi ultimi sono un asse fondamentale dell’informazione per i territori, per fasce di popolazione importanti, diverse.

“Ho ricevuto negli ultimi mesi da Associazioni di categoria, tra le quali l’Unione cattolica della Stampa italiana, diverse segnalazioni rivolte a Poste per la mancata consegna nei tempi adeguati dei giornali, quasi tutti settimanali. E anche per la riduzione delle tariffe per la spedizione. Quasi la metà degli abbonati ai settimanali non riceve il giornale il giorno di uscita. È invece molto importante questo avvenga, soprattutto se pagato dagli editori.

Ne parlerò ulteriormente con i vertici di Poste Italiane affinché possiamo insieme superare i disservizi e le difficoltà. Il giornale deve essere recapitato il giorno di uscita, capillarmente, ovunque.

Gli Enti locali con Uncem potranno adoperarsi con Poste anche per risolvere i problemi su questo fronte, non certo marginale. Ne parleremo anche nei prossimi giorni con il Governo nell’esaminare il nuovo Accordo sul Servizio Postale universale”.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close