Ovada

Consiglio comunale straordinario

Ovada. Consiglio comunale  straordinario, la sera del 29 novembre nella sala a piano terreno di Palazzo Delfino.

Un Consiglio incentrato sulla richiesta della minoranza consiliare (“Ovada Viva” di Cassulo) della formazione di una Commissione consiliare speciale sulla situazione deficitaria del Lercaro.

Ma prima di discutere del Lercaro, notizie aggiornate sulla situazione frane da parte del sindaco Paolo Lantero.

Vi sono stati notevoli danni, tra i tanti altri, alle sponde fluviali ed alle scogliere, per cui per l’alluvione del 21 ottobre sono stati subito impeganti 10mila euro, a fronte di una stima di lavori da fare ammontante a 660mila euro. Per la seconda fase di maltempo, quella del 23-24 novembre, “più dura ancora della prima”, c’è un’urgenza di 215mila euro, a fronte di una stima complessiva di interventi per 765mila euro Il tutto per il ritorno, chissà quando se continuasse a piovere anche a dicembre,  ad una viabilità normale! Il sindaco ha fatto presente di ulteriori cedimenti a San Lorenzo, della situazione difficle a San Bernardo, della mancanza di corrente elettrica in alcune cascine anche se con l’aiuto dell’Enel sono stati portati in loco dei generatori. Comunque la sera del Consiglio si contavano 32 sfollati (prima collocati in albergo, poi in sistemazioni autonome).

Quindi il punto sul Lercaro.

Il capogruppo di “Ovada Viva” Pier Sandro Cassulo: ”Abbiamo sentito parlare dal commissario di chiusura dei conti per il 2017 ma siamo al 2019. E il deficit è altissimo… Ci stupiamo che si sia taciuto tanto in questi anni. Fare un esposto in Regione? Non è nel nostro stile… Quindi auspichaimo un confronto più serio col commissario Sfrondrini e intanto proponiamo la formazione di una commissione consiliare speciale, di cui vogliamo la presidenza, che esamini sino in fondo la situazione economica del Lercaro. Una commissione che controlli il Lercaro.”

Lanzoni, capogruppo Movimento 5 Stelle, rimarca una certa “vaghezza” nella relazione ottobrina del commissario. “Perchè il debito continuava a salire nonostante i tre consiglieri nominati dal Comune?” E poi “La mira dei creditori è volta all’immobile del Lercaro?”

E’ intervenuto quindi per la maggioranza Federico Fornaro: “Nessuno vuole nascondare nulla e la Commissione speciale non deve essere di indagine. L’obiettivo è quello di acquisire informazioni non di indagare. E poi l’operato di Sfondrini non deve ricadere sulla situazione deficitaria dell’Ente.”

Il sinadco Lantero: “Non spetta di diritto alla minoranza la presidenza della Commissione ma non coi sono preclusioni. Comunque il presidente lo nominerà la commissione stessa, composta da due membri di maggioranza e dai capigruppo di minoranza.”

La Commissione lavorerà per quattro mesi e sarà formata da Mario Lottero e Mauro Rasore per la maggioranza e da Angelo Priolo e Mauro Lanzoni per le due minoranze. Se la presidenza dovesse toccare alla minoranza, sarà Priolo.

Dopo l’approvazione dei verbali delle precedenti sedute, il Consiglio è proseguito con la variazione agli stanziamenti di cassa per poco più di 57mila euro, ricavato della diffeerenza tra maggiori entrate e monori uscite.

Quindi discussione sulla mozione di Cassulo rigaurdante l’acquisizione comunale della strada consortile Requaglia (presenti in sala uan decina di abitanti della località).

Sono intervenuti Lanzoni, l’assessore ai Lavori Pubblici Sergio Capello e il sindaco Lantero. Vi sarà acquisizione comunale e l’asfaltatura della strada, anche perché di collegamento fra la Strada del Termo e la Provinciale n. 456 del Turchino. E visto quello che succede con le frane ed i blocchi stradali…

Ultimo punto, l’interrogazione di Priolo sull’assegnazione delle bacheca di piazza XX Settembre.

L’assessore Grazia Di Palma ha risposto, sottolineando la necessità di una delibera di Giunta e di una conferenza dei capigruppo consiliari.

Alle ore 22,30 tutti a dormire.

E. S.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close