Nizza MonferratoValle Belbo

Un vino che porta il nome di Angelo Brofferio

Angelo Brofferio

Nizza M.to. «Il Nizza Docg Riserva Angelo Brofferio rappresenta il punto di arrivo del nostro percorso di rinnovamento, un prodotto che esprime la storia e la vocazione vinicola di eccellenza di tutto il nostro territorio Patrimonio dell’Umanità».

Così Andrea Ghignone, Presidente della Cantina Sociale Barbera Sei Castelli, annuncia la prima etichetta di Nizza Docg Riserva annata 2016, un vino dedicato a una figura del Risorgimento italiano come Angelo Brofferio, nato a Castelnuovo Calcea nel 1802.

«Il nostro obiettivo è quello di veicolare un’immagine del territorio che, oltre alle eccellenze vinicole, sia legata a un patrimonio storico e culturale di massimo rilievo – spiega Ghignone – Dedicare un vino come il Nizza a Brofferio, che nacque proprio sulle nostre colline, incarna esattamente questo spirito, quello di coniugare la storia con i nostri i prodotti enologici più rappresentativi e identitari».

La presentazione al pubblico del Nizza Docg Riserva si svolgerà sabato 7 dicembre alle ore 10,30 nel Museo “Mè ritorn” dedicato a Brofferio (Piazza Castello 1, Castelnuovo Calcea).

Alla tavola rotonda, durante la quale si discuterà intorno al vino e alla figura di Angelo Brofferio parteciperanno  Mons. Vittorio Croce, la Prof.ssa Laurana Lajolo, il Sindaco di Castelnuovo Calcea Roberto Guastello, il Presidente di Barbera Sei Castelli Andrea Ghignone, il Direttore Barbera Sei Castelli Enzo Gerbi, il Presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato Filippo Mobrici, il Presidente Associazione Produttori del Nizza Gianni Bertolino. Presente anche Sergio Brofferio, pronipote di Angelo.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close