Cairo M.tte

Il liceo Calasanzio ha dato un caloroso benvenuto ai partner rumeni, provenienti dal Liceo Gheorge Moroianu di Sacele

Come da accordo stipulato con il Console Onorario di Brasov, Dott. Emanuele Guglielmo Bagnasco Nove gli studenti arrivati a Carcare, accompagnati dalle proff. Elena Bucurenciu e Andrea Butu, che sono stati ospitati dai loro compagni italiani con i quali avevano già trascorso una settimana in Romania lo scorso maggio. L’iniziativa di scambio e accoglienza è stata seguita, per il liceo Calasanzio di Carcare, in prima persona dalla professoressa Bruna Giacosa.

Gli studenti rumeni hanno presentato il loro paese, Sacele a poca distanza da Brasov interessante cittadina della Transilvania. Durante la conferenza hanno inoltre fatto confronti tra la letteratura rumena ed italiana . Molto interessante è stato il dibattito sulle somiglianze e differenze tra il nostro impianto scolastico ed il loro a partire da come è strutturata la giornata per arrivare alle differenze in fatto di curriculum per ciascuna materia.

Gli studenti di Sacele hanno visitato i paesi valbormidesi in cui sono stati ospiti, inoltre il gruppo accompagnato dalla prof. Giacosa si è recato alla Mole Antonelliana e al Museo Egizio di Torino. Anche Genova con il porto antico, l’acquario, la cattedrale, via XX Settembre e piazza della Vittoria ha attirato l’interesse degli ospiti nonostante il tempo inclemente. A seguire le grotte di Toirano, Savona con il Priamar, il porto, la cattedrale e non ultima un gustoso assaggio di farinata. Ad Altare il gruppo ha visitato il museo del vetro ed ha assistito alla creazione, fatta direttamente sotto i loro occhi dal Maestro vetraio Sig. Bormioli, di alcuni animaletti in vetro. Il sig. Ponteprino ci ha accompagnati in una visita guidata di Saliceto con la chiesa di San Martino e i suoi preziosi affreschi, la chiesa di San Lorenzo e la simbologia della facciata. Il liceo Calasanzio di Carcare ringrazia tutti i sindaci della zona per aver contribuito finanziariamente alla realizzazione dello scambio, sollevando le famiglie da un aggravio di spese.

Ancora una volta i progetti e-twinning hanno avuto successo. Il gemellaggio virtuale con le scuole europee promuove la collaborazione scolastica in Europa e favorisce l’uso delle tecnologie informatiche,; ma più importante permette lo scambio di esperienze, un arricchimento culturale e linguistico, favorisce l’accettazione degli altri e la collaborazione  attraverso il team work. Il progetto ‘My summer Dream’ ha ottenuto il National Quality label  e il progetto ‘Letras Galegas ‘ anche quest’anno ha ottenuto lo ‘European Quality Label’ che attesta il raggiungimento di un elevato standard di qualità. Gli studenti hanno infatti imparato non solo a conoscere un autore galiziano, tradizioni e folklore dei paesi partecipanti, Spagna, Portogallo, Polonia, Italia, ma hanno anche imparato ad aprire e scrivere una pagina dell’enciclopedia virtuale Wikipedia.

Pubblicità
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close