Ovada

Il gioco d’azzardo patologico e la dipendenza dalle slot machines

Ovada. Il gioco d’azzardopatologico sotto l’aspetto giuridico, clinico e sotto forma di lotta alle mafie è stato l’interessante argomento dell’ultimo incontro di “CulturalMente”, presso l’Istituto Madri Pie.

Il tutto anche alla luce delle proposte di modifica alla legge regionale n. 9/2016, che comporterebbero la validità di quelle misure (distanziometro, pausa oraria del funzionamento delle “macchinette”) solo per i nuovi esercizi, appunto aperti dopo quell’anno.

Relatori gli dott. Roberto Succio e Paola Sultana e il dott. Mauro Rasore, introdotti dalla prof.ssa Luciana Repetto dell’Istituto Madri Pie. All’incontro presenti, tra gli altri, il dott. Gianni Zillante e la dott.ssa Sabrina Dattilo, direttore e psicologa del Consorzio servizi sociali; il geom. Giuseppe Vignolo in rappresentanza della Parrocchia e l’assessore comunale Grazia Dipalma.

Il dott. Succio, servendosi anche di slides, ha detto che in dieci anni (2000-2016) la spesa per il gioco d’azzardo legale è passata da 19 a 96 miliardi mentre lo Stato ne ha incamerato 10, per le tasse.

6600 sono le imprese attive nel settore, che occupa circa 100mila persone.

Si è sempre giocato forte e dappertutto, anche in Piemonte e anche ad Ovada…

Interventi successivi del dott. Mauro Rasore, dell’avv. Paola Sultana e della psicologa Sabrina Dattilo.

L’approfondimento dell’attualissimo tema sul giornale cartaceo, in edicola giovedì 27 febbraio.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close