Nizza MonferratoValle Belbo

Nizza nei giorni del Covid-19

Nizza Monferrato. Considerato lo stato d’emergenza e l’esigenza di personale, la Regione ha deciso la temporanea chiusura di alcuni pronto soccorso e punti di primo intervento a minore accesso, tra cui quello di Nizza Monferrato, per ottimizzare la gestione del personale sanitario da utilizare ove sia necessario e con maggiore efficacia.

A Nizza si sono liberate una decina di persone tra personale medico e infiermeristico. Chiusi anche i parchi e i giardini. Bisogna anche fare appello, per chiunque rientri da Nizza da qualsiasi altro Paese estero, è prevista una quarantena di 14 giorni. In città l’auto dei vigili percorre centro storico e vie periferiche con l’audio messaggio  “Restate a casa”, le forze dell’ordine in questi giorni presiedono e controllano puntualmente tutto il territorio per far rispettare le normative. Sono state ritirate 240 autocertificazioni dalla polizia municipale e tra queste, una dozzina non erano a norma e le persone sono state denunciate.

La Croce Verde sta facendo una raccolta fondi e chiede alla cittadinanza di sostenere la loro associazione, in questo periodo servono soldi per comprare mascherine e tute.

La Casa Salute di Nizza è funzionante solo su appuntamento per evitare affollamenti di persone. Le ricette mediche vengono trasferite direttamente alle farmacie e per anziani o persone con problematiche motorie, i farmaci vengono consegnati direttamente al proprio domicilio. Anche alcuni esercizi commerciali hanno deciso di aderire al progetto fornendo servizio a domicilio.

Le poste saranno aperte: – martedì e giovedì – dalle 8.20 alle 13.35 – sabato – dalle 8.20 alle 12.35.

Pubblicità
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close