Cairo M.tte

La cairese Paola Carenti ha presentato il libro “Scilly”

Cairo M.tte. Sabato 4 Luglio alle ore 18, nel cortile interno della “Biblioteca Civica F.C.Rossi, Antonella Ottonelli e Giuliana Balzano (debitamente distanziate) hanno ripreso a proporci il loro format “Passar ore belle” con la presentazione del libro “Scilly” della scrittrice Paola Carenti.

“Quando mi è stato proposto di presentare questo libro – commenta Giuliana Balzano – non ero convinta, non per il libro e per l’autrice ma per la situazione che stavamo vivendo. Non credevo che a luglio sarebbe stato possibile fare una presentazione “dal vivo”.

E invece eccoci qui.

Vorrei sottolineare che ho accettato di presentarlo, insieme alla mia “vecchia” complice, solo per l’argomento di cui tratta il libro e soprattutto per il pubblico a cui è rivolto.

Durante la pandemia, purtroppo, la maggior parte degli adulti ha perso l’occasione per tirare fuori il meglio, ostentando invece conoscenze che non aveva in nome di una malata voglia di essere protagonista. Hanno visto complotti perché usavano solo un punto di vista: quello del male.

Sono stati un cattivo esempio per i bambini. I bambini credono in una cosa in cui loro non credono più. I bambini credono nelle favole. Credere nelle favole non significa credere che tutto finisca bene. Credere nelle favole è essere consapevoli che esiste sia il bene che il male, è stare dalla parte del bene, è lottare per il bene e farlo per il “bene” di tutti, non per quello individuale.

Quindi W i bambini W le favole W Paola Carenti

Paola Carenti (per chi non la conoscesse) è una cairese che vive in provincia di Bolzano. Autrice, regista, attrice. Ha fatto tante di quelle cose che per elencarle ci vorrebbero dei giorni.

Paola ha un difetto, però, è’ figlia di Antonella Ottonelli. In fondo nessuno è perfetto!”

Pubblicità
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close