Acquese

Cortemilia, organizzazione del premio nazionale di letteratura per ragazzi “il gigante delle Langhe”

Cortemilia. La Giunta comunale di Cortemilia (sindaco Roberto Bodrito, vice sindaco Simone Dessino, assessore Fiorenzo Crema), con delibera nº 69, ha deciso di provvedere all’organizzazione della 19ª edizione del Premio Nazionale di Letteratura per ragazzi “il gigante delle Langhe”.

Da individuare i componenti della Giuria Tecnica nelle persone di: Francesco Langella, direttore della Biblioteca Internazionale “De Amicis” di Genova, presidente della Prima e Seconda sezione del Premio; Don Antonio Rizzolo, sacerdote della Società San Paolo, è giornalista di professione. Direttore responsabile dei settimanali “Famiglia Cristiana” e di altre riviste paoline; Valeria Pelle, ideatrice con Donatella Murtas del Premio, appassionata di letteratura per l’infanzia, giornalista per Gazzetta d’Alba e, occasionalmente, per altre testate; Rosella Picech, giornalista e critica di letteratura per l’infanzia e i ragazzi; Cinzia Ghigliano, illustratrice e fumettista di fama internazionale.

È presidente della terza sezione del Premio Marco Martis, illustratore per l’editoria e scenografo per il cinema d’animazione. Ha illustrato libri per importanti editori. Sergio Noberini, direttore del Museo Luzzati di Genova e curatore unico delle opere del maestro Emanuele Luzzati; Donatella Murtas, architetto, ideatrice del Premio e responsabile della sua organizzazione, segue progetti di sviluppo locale a livello nazionale ed internazionale; Edoardo Borra, collaboratore alle attività culturali e sociali della Fondazione “Piera, Pietro e Giovanni Ferrero” di Alba, responsabile del Centro di documentazione dedicato a Beppe Fenoglio.

Il budget complessivo per l’organizzazione dell’iniziativa ammonta presuntivamente a 26.000 euro di cui 15.000 euro per le spese di organizzazione ed 11.000 euro quota parte dell’importo relativo all’incarico per l’organizzazione e la gestione del Premio, affidato con D.D. 60 del 9 2020, finanziato a mezzo di contributi richiesti alla Regione Piemonte, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, alla Fondazione Ferrero di Alba e con fondi propri. 

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button