Diocesi

Terremoto Croazia: la Caritas accanto alla popolazione colpita

Un potente terremoto di magnitudo 6.2 ha colpito la Croazia nella giornata del 29 dicembre 2020, alle ore 12:19. L’epicentro era situato nella cittadina di Petrinja, a circa 50 km dalla capitale Zagabria. La violenza è stata tale che il terremoto si è sentito anche in Bosnia e Erzegovina, Serbia, Ungheria, Slovenia, Austria, oltre che in molte regioni italiane.

La regione epicentro del terremoto odierno aveva già subito un altro grave terremoto lo scorso 22 marzo 2020, di magnitudo 5.5.

Si calcola che il terremoto del 29 dicembre sia stato circa 30 volte più potente di quello del marzo scorso. La sequenza di terremoti negli ultimi mesi aveva già reso molto fragile le infrastrutture e le abitazioni della zona. Ora sono stati provocati numerosi danni materiali.

È possibile sostenere gli interventi di Caritas Italiana per questa emergenza utilizzando

utilizzando il conto corrente C.R.Asti Ag. Acqui Terme intestato alla Caritas Diocesana di Acqui  codice Iban IT77A0608547940000000023373 causale “Terremoto Croazia”)

oppure presso l’Ufficio Caritas sito in via Caccia Moncalvo, 4 15011 Acqui Terme

aperto tutti i giorni, tranne il giovedì, dalle ore 8,00 alle ore 14,00

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button