DiocesiOvada

È mancato don Filippo Piana, parroco di San Lorenzo

Ovada. Si sono svolti, presso la Parrocchia di N.S. Assunta lunedì 1 febbraio, i funerali di don Filippo Piana, mancato sabato 30 gennaio.

Aveva 97 anni e da qualche anno viveva ospite presso gli accoglienti locali delle Suore della Pietà in piazza XX Settembre dove si è spento.

Don Piana, una vita dedicata al sacerdozio (dal 1946), conosciuto ed apprezzato da molte generazione, anche per aver svolto l’attività lavorativa come insegnante di Religione nelle scuole cittadine.

Per molti anni don Filippo Piana è stato parroco  nella frazione di San Lorenzo,   e quindi nelle Chiesette periferiche,  San Venanzio e prima ancora a San Gaudenzio.

Nell’omelia domenicale nella Chiesa dei Padri Scolopi, Padre Ugo Barani ha ricordato il grande impegno di don Piana soprattutto presso la Chiesa di San Lorenzo, il 10 agosto festa dell’omonimo Santo quando il sacerdote organizzava le celebrazioni religiose e l’incontro festoso con la gente ma non solo.

Il suo impegno infatti proseguiva per tutto l’anno, compresa la tradizione della Fiaccolata di Natale, a piedi da piazza Nervi fin su in frazione.

Questo un suo breve profilo biografico:

Era nato il 27 giugno 1923 ad Ovada, da Antonio e Santamaria Maria.

Aveva vestito l’abito chiericale il 22 giugno 1939 mentre l’ordinazione sacerdotale reca la data del 29 giugno 1946.

Questa la sua “carriera” pastorale: viceparroco a Sassello (Trinità) dal 17 luglio 1946; Economo spirituale a Morbello dal 25 aprile 1948; Parroco a Brovida e Niosa (frazioni di Dego) dal 5 agosto 1948; Parroco ad Acqui – “Madonna Pellegrina” dal 1954 al 1958;

Dal 1958 Insegnante di Religione ad Ovada; Parroco di San Lorenzo in Ovada dal 15 giugno 1980 fino al 1986 e poi rettore della Chiesa di San Lorenzo; Cappellano del Monastero delle Passioniste di Ovada fino a quando gli è stato possibile.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button