Ovada

Il turismo sostenibile nell’Alta Valle Orba: il progetto di tre Comuni

Ovada.  Una iniziativa a livello territoriale (Alta Val d’Orba – Comuni di Urbe, Tiglieto e Molare) volta allo sviluppo del turismo sostenibile in Valle.

“Questo per noi è il nostro futuro, un’area a vocazione turistica, non un distretto minerario con una cava a cielo aperto.

All’inizio di quest’anno è stato avviato un tavolo di studio con lo scopo di realizzare un progetto per valorizzare il turismo sostenibile nell’Alta Val d’Orba. Con tale denominazione si indica il territorio del primo tratto del bacino dell’Orba, che va dalle sorgenti (zona Passo del Faiallo) fino al territorio di Molare.

Al progetto partecipano i Comuni di Molare, Tiglieto e Urbe, l’associazione Nuova Altavaldorba e il Consorzio di miglioramento agroforestale Alta Val d’Orba.

Lo stesso territorio è stato al centro della questione della miniera di titanio del Beigua, in quanto la zona su cui è stato concesso il permesso ai sondaggi fa parte della prima parte del bacino idrografico dell’Orba. Purtroppo il Tar non ha concesso la sospensiva e quindi il decreto è in vigore. È bene precisare che non sono stati dati permessi per interventi invasivi e pericolosi per l’ambiente ma per attività che hanno come scopo l’apertura della miniera, ipotesi incompatibile con la prospettiva della nostra Valle. Per cui si ritiene che la strada da percorrere sia quella delle  attività sostenibili per il territorio, come la produzione agroalimentare ed il turismo.

Portare avanti questo progetto è un modo per ribadire che trasformare quest’area, caratterizzata da un ambiente di grande interesse a livello naturalistico, da territorio a vocazione turistica a distretto minerario, sarebbe un errore devastante e irrimediabile.

Crediamo invece in uno sviluppo incentrato sulla natura incontaminata che caratterizza la Val d’Orba e le sue attrattive, con attenzione  al rispetto dell’ambiente ed alla conoscenza della storia e della cultura locale”.

Articoli su L’Ancora n.23/2021

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button