Galleria fotograficaPallapugnoSport

Pallapugno serie A Playoff: Massimo Vacchetto ipoteca la semifinale

Cortemilia. Nell’andata dei quarti di finale di serie A del campionato nazionale di Pallapugno la Nocciole Marchisio di Cortemilia ha vinto nettamente contro la Merlese Alusic Acqua San Bernardo per 11 a 4. La gara si è disputata nella serata di sabato 11 settembre difronte ad un pubblico di oltre 150 persone. Ad arbitrare la gara Giorgio Gili di Castellinaldo, assistito da Gabriella Meistro di Cortemilia.

Squadre in campo nelle formazioni tipo: Nocciole Marchisio con Massimo Vacchetto, Emmanuele Giordano (al rientro dopo il problema alla caviglia destra), Marco Cocino, Francesco Rivetti, 5º giocatore Davide Priero, d.t. Gianni Rigo e  Giovanni Voletti, preparatore Diego Roveta.

La Merlese Alusic Acqua San Bernardo: Gilberto Torino, Oscar Giribaldi, Danilo Mattiauda, Luca Lingua, 5º giocatore Bo-vetti e Bottero, d.t. Flavio Dotta.

Interessanti i primi 4 giochi, cioè sino al 2 pari, poi la classe del pluricampione italiano Massimo Vacchetto ha prevalso, indirizzando la sfida sui binari a lui congeniali e così al riposo si va sull’8 a 2, dopo un’ora e 5 minuti di gioco, alle 21.35. Alla ripresa subito un gioco per i locali 9 a 2 poi 9 a 3. Arriva il 10 a 3 e Torino si aggiudica il 14º gioco, del 10 a 4 e finisce, alle 22.30 sull’11 a 4. Al di là del risultato belli alcuni scambi tra i due capitani, con Torino più falloso e la prestazione della squadra di Max Vacchetto è stata superiore a quella dei monregalesi. Tra i locali in evidenza la spalla Emmanuele Giordano che al ricaccio e in battuta ha supportato bene il suo capitano, dopo alcuni incontri sottotono dovuti al problema alla caviglia destra. In due incontri con Vacchetto, Torino ha messo insieme 7 giochi.

Le due quadrette si rincontreranno giovedì 16 settembre a Mondovì alle ore 20.30 nella gara di ritorno dei quarti. Il risultato pare scontato per la Nocciole Marchisio che, vincendo, accederà alle semifinali dove si troverà difronte o la Imperiese Olio Roi di Dolcedo, di Enrico Parussa o la Virtus Langhe di Dogliani, di Paolo Vacchetto.

G.S.

Articoli su L’Ancora n.34/2021 in edicola da giovedì 16 settembre

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button