Ponzone un sacrificio di 2000 anni fa

Ponzone. Giovedì 13 aprile, quarto giorno della Settimana Santa, Ponzone ricorda la dolorosa ascesa del nazareno Gesù Cristo, verso la sommità della collina del Golgota affinché l’estremo sacrificio del messia giungesse al suo apice ed alla dolorosa conclusione.

La Confraternita locale, che onora la Nostra Signora del Suffragio, anche quest’anno, nella serata del Giovedì Santo, vuole ricordare in tutta la sua drammaticità e valore simbolico questa lenta, breve salita del redentore verso la sommità della lieve altura sita appena fuori dalle antiche mura di una Gerusalemme sotto la dominazione romana.

Alle 20.30  l’inizio della celebrazione della santa messa presso la parrocchiale di San Michele ed a seguire la processione, rispettosa ed orante, in cui i confratelli, detti i battuti, dalle caratteristiche vesti bianche bardate di cappuccio indossato ripercorrono, con acre similitudine, i tristi eventi descritti nei vangeli sinottici ed in quello di Giovanni.

Al termine della stessa processione, all’interno della chiesa di San Michele, verrà innalzato il canto della Passione con l’accompagnamento del coro della Cantoria. Alla conclusione della serata la Confraternita procederà alla consuetudinaria distribuzione di pane azzimo, anch’esso a perenne testimonianza di quella dolorosa Pasqua di quasi venti secoli fa.

Contrariamente alla comune presunzione che sia il Natale il periodo celebrativo più importante della religione cristiana la Settimana Santa, concentrata nella Passione, Morte e Resurrezione di Gesù Cristo è, da un punto di vista rituale e dogmatico, il centro  dell’anno liturgico. […]

a.r.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.