Home / Ovada / Linea ferroviaria Ovada-Genova chiusa durante l’estate

Linea ferroviaria Ovada-Genova chiusa durante l’estate

Ovada.   La linea ferroviaria Ovada-Genova  sarà chiusa, durante l’estate, per  cinque settimane, precisamente dal 27 luglio sino al 5 settembre.

Al posto dei treni, i soliti bus, con le conseguen­ze del caso, cioè possibili di­sagi ed inconvenienti per i tan­ti utenti dei convogli ferroviari verso il capoluogo ligure.

La chiusura estiva, comuni­cata al comitato Difesa tra­sporti Valli Stura ed Orba re­centemente a Genova durante uno degli incontri periodici presso il tavolo tecnico con Trenitalia e Regione Liguria cui fa capo la tratta Ovada-Genova, è stata decisa per consentire alle Ferrovie dello Stato una serie di lavori e di manutenzione, tra cui l’ammo­dernamento della Stazione Centrale di Ovada. Per questo intervento, che proseguirà an­che nell’anno prossimo, sono stati stanziati 3,3 milioni di euro. Un investimento consi­derevole, che comprende un innalzamento sino ad oltre me­tro metro del marciapiede tra il terzo e quarto binario, allo sco­po di far salire e scendere me­glio i viaggiatori. Sarà poi col­locato l’ascensore, installate nuove luci, e rinnovato l’arre­do, dalle panchine ai cestini.

In Valle Stura,  alla stazione di Rossiglione si procederà con la canalizzazione delle ac­que mentre alla galleria Prè di Mele tra Campo Ligure ed Ac­quasanta si faranno lavori di consolidamento.

Intanto per il 22 maggio à stata calendarizzata una riu­nione che vedrà la presenza dei sindaci interessati e coin­volti nella tratta ferroviaria Ac­qui-Ovada-Genova. I quali chiesto, ed ottenuto, un incon­tro con i rispettivi assessori re­gionali ai Trasporti della Ligu­ria, Berrino, e del Piemonte, Balocco.

E da questo ulteriore incon­tro, dopo i tanti che sono stati fatti in questi ultimi anni a pro­posito di una linea ferroviaria sempre critica e dai periodici inconvenienti per i molti pen­dolari (lavoratori, studenti, altri) che la usano quotidianamente, si auspica che possano final­mente derivare misure e prov­vedimenti utili e positivi per chi sceglie la ferrovia come mezzo di trasporto abituale.

Red. Ov.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *