Home / Acqui Terme / La cerimonia di Gala della Biennale dell’Incisione

La cerimonia di Gala della Biennale dell’Incisione

Acqui Terme. Un degno epilogo. All’insegna di una apprezzatissima sobrietà nei tempi (da cui altre manifestazioni acquesi potrebbero imparare…, ma lo diciamo senza polemica alcuna: gli aspetti positivi devono sempre essere colti e sottolineati). All’insegna di una eccellente densità nei contenuti. Un degno epilogo ha contraddistinto l’atto conclusivo della XIII Biennale Internazionale per l’Incisione – Premio “Acqui Incisione 2017”.

Presso la Sala Belle Epoque del Grande Albergo “Nuove Terme”, sabato 10 giugno, il folto pubblico ha potuto trovare al tavolo d’onore l’ing. Francesco Piana (Presidente del Rotary Club acquese), il dott. Giuseppe Avignolo (Presidente della Biennale), il prof. Paolo Bellini (alla sua lezione ci si riferisce in altro nostro servizio),  la dottoressa Patti Uccelli (curatrice tanto del catalogo realizzato dalle edizioni De Ferrari di Genova, quanto dell’esposizione collocata  sul lato più prossimo all’albergo) e il dott. Giorgio Frigo (artista collaboratore della Biennale sin dalla prima ora).

Ma, soprattutto, ha potuto apprendere di una manifestazione che tantissima strada ha compiuto dal 1993. E questo in virtù di un impegno serio e continuativo, e di una vera passione, da parte di tutti coloro che – nel tempo – han fatto parte della squadra organizzativa.

[…] […] […] […]

i premiati

[…] Qui di seguito nomi e motivazioni dei più alti riconoscimenti (consegnati nell’ordine da Riccardo Alemanno, Paolo Ricagno e Francesco Piana). E l’invito, consequenziale, ad una visita all’esposizione ai portici en plein air di Via XX Settembre.

Premio “Acqui Giovani” a Francesco Giovinazzo (Bologna). Motivazione: “Per l’originalità tematica che sottolinea con ironia l’utilizzo del web e la qualità tecnica volutamente ‘imperfetta’, per evidenziare il contrasto tra la dimensione reale e quella virtuale”.

Premio Consorzio Brachetto d’Acqui a Peter Franssen (Olanda). Motivazione: “Belgrado, della serie ‘le città sul Reno’ è realizzata con una tecnica personale e contemporanea che rende in maniera esemplare ed elegante le atmosfere dei luoghi”.

Premio “Acqui Incisione 2017” a Adriano Moneghetti (Milano). Motivazione: “Qualità tecnica unita all’originalità tematica fanno di quest’opera un esempio perfetto di equilibrio tra estetica e contenuto”.

G.Sa

Articolo completo su L’Ancora n.24 del 18 giugno 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *