Home / Acqui Terme / Un Festival di musica classica con grandissimi interpreti
Alfred Brendel

Un Festival di musica classica con grandissimi interpreti

Acqui Terme. Dopo Blonay in Svizzera, Soesterberg nei Paesi Bassi, Ginevra, Sulzbach-Rosenberg (e siamo in Germania), e ancora dopo The Berskshires, Massachusetts, e Tanglewood e San Francisco (sempre negli USA), e dopo le sessioni 2012-2016 allestite nella città medievale di Arcidosso (provincia di Grosseto), l’InterHarmony International Music Festival fa tappa – a cominciare dal 6 di luglio – e per tutto il mese, nella nostra città.

Con tanti interessantissimi concerti (mai tanta musica ad Acqui in così pochi giorni, con qualità assoluta; e ciò ci fa andare indietro nel tempo, al recital di Josè Carreras, al Teatro Aperto di Piazza Conciliazione, ad inizio estate 2006), e due serata in decentramento che si svolgeranno anche a Mombaruzzo (nella Chiesa di Sant’Antonio Abate l’11 e e il 25 luglio).

Sholmo Mintz

La formula prevede un programma artistico di diversi concerti di solisti di fama mondiale (è il primo nome di riferimento, per cominciare, è quello del violinista Shlomo Mintz, insieme a quello dei pianista Bruno Canino e di Alfred Brendel; quest’ultimo – lo anticipiamo – e atteso nella sala d’onore dell’Hotel “La Meridiana” per un seminario il 21 luglio) e di tanti specialisti della musica camera. Con serate e pomeriggi musicali che si combinano con un calendario di studi intensivi e specializzanti, rivolti ai giovani musicisti, che così ricevono, tramite questi corsi di perfezionamento, concreti aiuti didattici per percorrere nuove tappe del loro cammino nel mondo della musica classica professionale. Saranno 250 gli ospiti tra gli allievi (cui si aggiungono un centinaio di accompagnatori), e 70 i docenti e gli interpreti. E questo da oltre 20 nazioni del mondo.

Il tutto per una iniziativa che avrà modo di coinvolgere tutta la città, a cominciare dalle scuole, e in particolare quelle del “Comprensivo Uno”, pronte ad assumere l’aspetto di veri e proprio conservatori. Ma tante saranno le occasioni per applaudire maestri grandissimi e allievi – già ora molto più che promesse- in diversi luoghi della città.

Quattro concerti proprio da non perdere

Nella Guest Artist Series ecco da segnalare, per prima cosa, il virtuoso israeliano Shlomo Mintz che domenica 9 luglio si unirà a Bruno Canino (pianista celeberrimo, impegnato nei giorni successivi anche come docente) e a Misha Quint (violoncello) per un concerto di musica da camera – davvero di eccezionale spessore artistico – in programma presso il Santuario della Pellegrina alle ore 21.30.

Il programma comprenderà il Trio élégiaque di Rachmaninoff, l’epico Duo di Kodály per violino e violoncello e il Trio op.50 di Tchaikovsky.

Ma non meno interessante sarà l’inaugurazione della rassegna giovedì 6 luglio, presso la Basilica dell’Addolorata: quando Bruno Canino suonerà con Misha Quint per un attesissimo concerto di apertura:nel suo carnet la Sonata n.3 in la maggiore op.69 di Beethoven, la Suite Italienne di Stravinsky, la Sonata in mi minore Arpeggione D 821 di Schubert e il Pezzo capriccioso op. 62 di Tchaikovsky.

Infine, al termine della prima parte del Festival (perchè una seconda contrassegnerà le ultime due settimane del mese; ed tanti saranno nuovamente i concerti), domenica 16 luglio, al Pala Congressi, in scena il pubblico troverà l’InterHarmony Festival Orchestra, con solista Misha Quint, violoncello, e la direzione di Dorian Keilhack, a proporre – con le Variazioni su un tema rococò di Tchaikovsky – l’Ouverture del Don Giovanni di Mozart e la Quinta Sinfonia di Beethoven. Con ritorno dell’Orchestra già fissato per il 29 luglio, con solista all’archetto Vadim Repin.

Tutti gli appuntamenti sino al 16 luglio

Giovedì 6 luglio, Basilica dell’Addolorata, ore 21.30 – Misha Quint e Bruno Canino.

Sabato 8 luglio, Hotel “La Meridiana”, ore 21.30 – Giovani artisti premiati in concerto.

Domenica 9 luglio, Santuario della Madonna Pellegrina, ore 21.30 – Concerto Artisti Internazionali: Shlomo Mintz, Misha Quint e Bruno Canino.

Martedì 11 luglio, a Mombaruzzo, in Sant’Antonio Abate – Concerto Artisti Internazionali: Geoffrey Burleson, pianoforte; Marylene Gingras-Roy, viola; Delana Thomsen, pianoforte; Michelle Stanley, flauto; Misha Quint, violoncello. (Musiche di Liszt, Schumann, Granados, Piazzolla, Pablo Casals).

Martedì 11 luglio, ad Acqui, Sant’Antonio della Pisterna, dalle 21.30, Maratona pianistica.

Mercoledì 12 luglio, Santuario della Madonna Pellegrina, ore 21.30 – Giovani artisti premiati in concerto

Giovedì 13 luglio, Sant’Antonio della Pisterna, dalle 21.30 – Concerto Artisti Internazionali: Robert Satterlee, pianoforte; Brenda Witmer, soprano; Rodrigo Robles de Medina e Marina Samson-Primachenko, pianoforte; Hollie Lifshey, tromba; Shi-Hwa Wang, violino; Yu-Jane Yang e Martha Thomas, Marylene Gringras e Catherine Kautsky, pianoforte; Debora Harris, flauto; Geoffrey Burleson, pianoforte.

(Musiche di Loewe, Fauré, Tartini, Grieg, Granados, Chopin, Schumann).

Venerdi 14 luglio, Santuario della Madonna Pellegrina, ore.21.30 – Concerto Artisti Internazionali: Vedrana Subotic, pianoforte; Sarah Stoneback, tromba; Marina Samson-Primachenko, pianoforte; Teresa de Jong Pombo, pianoforte; Michelle Stanley, flauto; Delana Thomsen, pianoforte; Beatrice Long, pianoforte; Alan Weinstein, violoncello; e i pianisti Roderigo Robles de Medina, William Westney, Christina Long. (Musiche di Beethoven, JS Bach, Albeniz, Enescu, Chopin, Tartini, Saint Saens).

Domenica 16 luglio, Pala Congressi, ore 18.30, Concerto dell’Orchestra InterHarmony.

A cura di G.Sa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *