Home / Appuntamenti /  “L’amore ai tempi del  colera” serata dedicata a  Gabriel Garcia  Marquez

 “L’amore ai tempi del  colera” serata dedicata a  Gabriel Garcia  Marquez

Canelli. A tre anni di distanza dalla fortunata ‘maratona di lettura’ dedicata a Gabriel Garcia Marquez, le Associazioni Memoria Viva e Unitré Nizza-Canelli organizzano, col patrocinio del Comune di Canelli, una serata interamente dedicata a uno dei capolavori dello scrittore colombiano, maggior esponente nella narrativa del cosiddetto “realismo magico” e Premio Nobel 1982 per la letteratura.

Il romanzo L’amore ai tempi del colera rivivrà nelle immagini, nei commenti e nelle parole dei brani scelti e ‘montati’ da Elena Capra, appassionata lettrice di Gabo. A dar voce ai personaggi saranno Claudio Riccabone e Mariangela Santi.

L’evento, che avrà luogo lunedì 17 luglio, ore 21, presso il cortile dell’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana (Via G.B. Giuliani 29), vuole essere un omaggio ad uno dei più grandi scrittori del Novecento, un’occasione per tuffarsi nella sua ironica narrazione corposa e fiabesca, e gustare le colorate descrizioni dell’assolato Caribe e della sua gente.

Secondo Elena Capra, curatrice dell’evento e vicepresidente di Memoria Viva, “non si tratta un’iniziativa riservata ai soli fedelissimi di Garcia Marquez, ma di un modo per passare una serata estiva sotto il segno dell’emozione, in compagnia di una storia incantevole, divertente e commovente, di personaggi “magicamente reali”, di luoghi fantastici e di amori estremi, capaci di durare cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese”.

L’amore ai tempi del colera è certamente uno dei romanzi più amati tra quelli di Gabo, con legioni di ammiratori. Basti pensare che non ha soltanto ispirato il film omonimo, di grande successo, ma anche, per esempio, un film popolarissimo come Serendipity (Quando l’amore è magia), dove proprio una copia de L’amore ai tempi del colera faceva da filo conduttore della trama.

L’evento si terrà anche in caso di maltempo presso la Sala Conferenze dell’Enoteca Regionale (secondo piano).

Ingresso libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *