Home / Acqui Terme / Acqui Terme gemellata con Tasnad
siglato il gemellaggio tra Acqui Terme e Tasnad

Acqui Terme gemellata con Tasnad

Acqui Terme. La città dei fanghi ora parla anche romeno. Si è infatti gemellata con la città di Tasnad in Transilvania. Si tratta di un progetto strategico perché oltre a far conoscere le peculiarità turistiche e paesaggistiche di casa nostra, darà la possibilità di accedere a fondi europei per la promozione dell’immagine cittadina oltre i confini italiani.

In particolare, questo gemellaggio, proposto a suo tempo direttamente dalla Regione, consentirà l’accesso ad almeno un bando suddiviso in altri due di minori dimensioni: l’“Europe for citizens”, che si dirama nel bando “Memoria europea” e in quello “Impegno democratico e partecipazione civica”. Il gemellaggio con Tasnad non è dunque solo formale. Le città sono simili per dimensioni e caratteristiche. Hanno entrambe origine romane e termali e insieme lavoreranno per creare progetti che contribuiscano allo sviluppo turistico dei rispettivi territori.

Tasnad è una cittadina di circa 10 mila abitanti, si trova nella regione di Satu Mare, in Transilvania. Sono previsti scambi reciproci di saperi ed esperienze.

Venerdì 8 settembre, il gemellaggio è stato siglato ufficialmente.  Una delegazione acquese, infatti, composta dal sindaco Lorenzo Lucchini e dal consigliere comunale Gianni Rolando, ha partecipato all’incontro istituzionale a Tășnad dove è stato siglato definitivamente l’accordo.  «Mi preme ricordare – dichiara il sindaco Lorenzo Lucchini – che l’idea di questo gemellaggio è nata dalla precedente amministrazione. Un’iniziativa che approvo e condivido. Il gemellaggio tra Acqui Terme e Tășnad non è soltanto una mera sottoscrizione di un documento, quanto un concreto progetto di condivisione culturale destinato a durare nel tempo. Con questo gemellaggio, ciascun territorio potrà scambiare le proprie best practices e le proprie conoscenze, favorendo la collaborazione transfrontaliera attraverso la valorizzazione turistica. Siglato questo gemellaggio, si apre una fase di partnership per la ricerca di fondi europei».

Gi. Gal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *