Sessame, inaugurazione piazza Nassirya

Sessame, intitolata piazza ai “Caduti di Nassiriya”

Sessame. Sabato 11 novembre, alle ore 9.20, è stata intitolata ai “Caduti di Nassiriya”, la piazza antistante il cimitero di Sessame abbellita da una serie di 18 pannelli in bassorilievo realizzati da un gruppo di alunni del triennio del Liceo Artistico del locale Istituto Parodi, nell’ambito di un percorso di alternanza scuola – lavoro. Il progetto è nato dalla proposta del sindaco di Sessame Paolo Milano, accolta dal preside del Liceo Parodi prof. Nicola Todisco e realizzato dai ragazzi sotto la direzione del prof. Antonio Laugelli, docente di Discipline plastiche e scultoree presso l’Istituto.

Presenti alle cerimonia autorità civili, militari e religiose, del Piemonte e della Liguria. L’Arma era presente ai massimi livelli regionale, con il gen. di div. Mariano Mossa, comandante della Legione Carabinieri Piemonte e Valle d’Aosta, del col. Bernardino Vagnoni, comandante Carabinieri Provincia di Asti, del maresciallo Marco Piazzolla, comandante della Stazione Carabinieri di Bubbio. Madrina la signora Sabrina e Lucrezia Cavallaro, moglie e figlia di del maresciallo nicese morto a Nassiriya. Dopo i saluti del sindaco, Paolo Milano, ex carabinieri, che ha ringraziato i presenti, rimarcando l’importanza dei Carabinieri nei nostri territori e nelle loro missioni all’estero, ha ringraziato tutti coloro che si sono attivati alla realizzazione del progetto. Quindi gli interventi dei parlamentari presenti e del gen. Mossa.    

Al termine nella ex confraternita, adiacente alla parrocchiale, è stata inaugurata la prima mostra permanente che racconta l’Arma dei Carabinieri soffermandosi in particolare sulle missioni dei Carabinieri all’estero, curata dal luogotenente Giovanni Smario, comandante della Stazione Carabinieri di Bistagno.  Alle ore 11,30, il Vescovo di Acqui, mons. Pier Giorgio Micchiardi, ha concelebrato la santa messa, nella chiesa di “S. Giorgio martire”.  

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *