Acqui Terme

Ospedale di Acqui Terme: risorse e potenzialità

Acqui Terme. L’ospedale cittadino, le sue problematiche, le sue potenzialità e il suo futuro sono gli argomenti che verranno trattati in un convegno cui potrà partecipare la cittadinanza.  Un appuntamento che si svolgerà giovedì 30 novembre alle 21, presso la sala conferenze dell’ex Kaimano.  “Ospedale di Acqui Terme: risorse e potenzialità” sarà il titolo della serata organizzata da Palazzo Levi. Troppa infatti è la preoccupazione per questa struttura sanitaria, considerata punto d’appoggio per migliaia e migliaia di utenti. Pazienti, purtroppo, a causa dei numerosi tagli imposti dalla Regione, costretti a recarsi ad Alessandria, Novi e Casale.

Saranno presenti all’inncontro il dr. Simone Porretto, direttore sanitario ASLAL; il dr. Alberto Serventi, responsabile di Chirurgia Generale; il dr. Salvatore Ragusa, responsabile ORL; il dr. Paolo Ferrari, responsabile di Ortopedia e Traumatologia; il dr. Gianfranco Ghiazza, responsabile di Medicina Generale; il dr. Francesco Lemut, responsabile di Anestesia e Rianimazione; il dr. Claudio Sasso, responsabile del distretto; il dr. Franco Montefiore, responsabile di Urologia; il sig. Francesco Cirio, coordinatore di sala operatoria. Parteciperà al convegno il sindaco Lorenzo Lucchini.

Dal ridimensionamento dei servizi del 2014, cominciato dal punto nascite, è avvenuta a catena una trasformazione del DEA in Pronto Soccorso con la riduzione del turno medico notturno a una sola unità, la chiusura della Cardiologia e il declassamento della Rianimazione. Ciò ha comportato un cambiamento della fisiologia del sistema sanitario acquese e dei servizi da esso offerti. Tuttavia, l’Amministrazione Comunale riscontra che il sistema sanitario locale offre un servizio a numerosi pazienti provenienti dalle zone circostanti diventando di fatto il più importante centro ospedaliero della zona. Diventa necessario, quindi, interrogarsi sul futuro del servizio sanitario e sulle sue prospettive di crescita.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close