Cairo M.tte

Nel futuro di Carcare, il Comitato “Oltre” ipotizza un maggior ricorso al project financing

Carcare. Con una superficie territoriale di 10 Km quadrati e circa 6 mila abitanti, il territorio del Comune di Carcare ad alta densità abitativa è un concentrato di servizi, fruibili dai carcarese ma anche, per la sua strategica intersezione di vie di comunicazione, dagli abitanti dei centri abitati confinanti. Tra questi servizi molti hanno una vocazione sportiva, coinvolgono associazioni e persone, tantissimi ragazzi. Carcare è dotata di un ricco patrimonio immobiliare composto da tre palestre coperte, utilizzate contemporaneamente dalle associazioni sportive e dalle scuole dei vari ordini e gradi, tre aree polifunzionali all’aperto compresa quella di Vispa, un bocciodromo e un campo sportivo: il coinvolgimento di investitori privati interessati a valorizzare questi beni potrà renderli più fruibili da parte dei Carcaresi e dagli abitanti dei paesi limitrofi.

Percudani Alex
Alex Percudani

Sull’argomento, in particolare sul ricorso a strumenti quali il project financing per la costruzione, ristrutturazione e gestione degli impianti sportivi, nei giorni scorsi è intervenuto con una riflessione in chiave elettorale locale Alex Percudani, tra i fondatori del Comitato Oltre: “In futuro, l’amministrazione comunale carcarese, alla luce delle nuove disposizioni legislative in materia di impiantistica sportiva, modificate in ultimo nel corso del 2017, e, soprattutto, a causa dei vincoli di bilancio imposti ai Comuni con il cosiddetto “patto di stabilità interno”, dovrà realizzare un crescente coinvolgimento del capitale privato sia nella ristrutturazione, nella modernizzazione e nell’ampliamento di alcune strutture sportive presenti sul territorio sia nell’eventuale realizzazione di nuove opere finalizzate all’offerta di maggiori servizi ai cittadini nel medesimo ambito”. “Peraltro, il partenariato pubblico-privato, nelle sue diverse declinazioni tra cui il project financing, oltre a rendersi necessario per evidenti ragioni economiche, è senza dubbio uno strumento che, se ben applicato, può comportare numerosi vantaggi in termini di gestione delle strutture sportive”.

Ugdonne Giorgia
Giorgia Ugdonne

Sull’opportunità, di ricorrere a iniezioni di collaborazione con l’imprenditoria privata nel segmento culturale e sportivo, è possibilista anche l’attuale assessore allo sport e cultura del Comune di Carcare Giorgia Ugdonne, per altro con un trascorso agonistico nella Pallavolo Carcare con la quale c’è stato un confronto nel merito: “Il nostro Comune è ricorso più volte al project financing per la realizzazione e ristrutturazione di alcune strutture sportive, è il caso del tennis e della piscina all’aperto: questi esempi ci servono per far comprendere quali opportunità, in termini di modernità gestionale, si possono sviluppare sul nostro territorio attraverso questa forma di connubio tra pubblico e privato, il tutto senza che sull’ente comunale gravi alcun onere e senza che, di conseguenza, i cittadini ne subiscano il peso in termini tributari”.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close