Valle Belbo

«Piemontesi sul Fronte Occidentale – I morti dimenticati della Grande Guerra»

ultima fatica letteraria di Giancarlo Libert

Castelletto Molina. Partono da Sampeyre in Val Varaita (provincia di Cuneo) il 25 agosto e fanno tappa il giorno successivo, domenica 26 agosto a Castelletto Molina alle ore 16, nella sala consigliare del Municipio le presentazioni dell’ultima fatica letteraria di Giancarlo Libert  «“Piemontesi sul Fronte Occidentale – I morti dimenticati della Grande Guerra» uscito nel mese di maggio per le edizioni aqu4ttro edizioni  di Chivasso. Sono previste altre presentazioni nei prossimi mesi in diversi comuni del Piemonte.

Il volume rappresenta una nuova tappa del pluriennale lavoro che ha portato l’autore Giancarlo Libert a studiare il fenomeno dell’emigrazione e della presenza piemontese all’estero effettuando ricerche storiche e iconografiche, raccogliendo testimonianze e facendo interviste, ricerche d’archivio e a incontrare più volte le comunità piemontesi all’estero. Libert illustra la storia poco conosciuta della partecipazione degli Italiani sul Fronte Francese durante la Prima Guerra Mondiale. Dopo la prima parte di carattere storico, nelle 160 pagine del volume dotate di un significativo apparato fotografico, vengono pubblicate circa cinquecento biografie di piemontesi che morirono sul Fronte Occidentale, a partire dai garibaldini arruolati nell’estate del 1914 quando in Italia la guerra non era ancora iniziata. Molti di questi garibaldini erano di origine piemontese ed emigrati nel Sud della Francia a Marsiglia e a Nizza, altri invece arrivarono direttamente dall’Italia per porsi al servizio di Peppino Garibaldi, nipote di quell’eroe dei Due Mondi che aveva già combattuto per la Francia nel secolo precedente. A guerra iniziata è il governo italiano ad inviare in Francia le T.A.I.F. (Truppe ausiliarie italiane in Francia), che si dedicano alla costruzione delle trincee e a lavori di retrovia come la movimentazione di materiali, mentre altri italiani trovano occupazione nelle industrie belliche carenti di manodopera in quanto i loro dipendenti erano impegnati al fronte. Dall’aprile del 1918 al comando del Generale Albricci vengono inviati in Francia oltre 25.000 uomini che andarono a combattere a fianco delle truppe francesi, dopo la caduta della Russia. Si calcola che complessivamente gli italiani che andarono in Francia, durante il periodo bellico furono circa 130.000.

Grande fu il tributo di sangue da parte degli Italiani combattenti sul Fronte Francese, con oltre 5.000 morti a cui si aggiungono i 4.000 feriti e intossicati dai gas asfissianti. Tra i morti anche il prozio dell’autore, nato a Marsiglia in una famiglia piemontese che, rientrato in Italia, combatté prima sul Carso e poi sul Fronte Occidentale, preso prigioniero pochi giorni prima della fine della guerra, morirà a guerra ormai finita nel 1919 in un ospedale a Lione e poi verrà sepolto a Bligny. Molti di questi italiani vennero sepolti in diversi cimiteri d’oltralpe tra cui quelli di Bligny e Soupir.

Giancarlo Libert è giornalista pubblicista, è nato a Torino nel 1963 e da oltre 30 anni conduce ricerche storiche.

Per informazioni contattare l’autore Giancarlo Libert www.giancarlolibert.it – trifula@libero.it

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close