PallapugnoSport

Pallapugno, Raviola vince anche la semifinale di ritorno ed è il 1º finalista (gallery)

Torronalba Canalese 9 – Ubi Banca Cuneo 11

Canale d’Alba. Federico Raviola capitano dell’Acqua S. Bernardo Ubi Banca Cuneo, è il primo finalista del campionato nazionale di Pallapugno 2018.  Il dott. Raviola, 24 anni, ha vinto a Canale, domenica 7 ottobre, contro il 3 volte campione d’Italia Bruno Campagno per 11 a 9.

Un incontro che ha richiamato un grande pubblico. Oltre 700 persone, hanno assistito alla gara diretta dagli arbitri liguri Piera Basso e Andrea Ferracin. Federico Raviola, Paolo Danna, Enrico Rinaldi e  Gabriele Re, direttore tecnico Giuliano Bellanti hanno così bissato il successo dell’andata di 11 a 8 e vanno alla finalissima e attendono il vincitore dello spareggio tra Paolo Vacchetto dell’Araldica Pro Spigno e Andrea Dutto dell’Alta Langa, che si disputerà domenica 14 ottobre alle ore 15 nello sferisterio della capiatle del Roero a Canale. Raviola e c. accedono meritamente alla  finale (la 1ª del campione cuneese) dopo aver disputato un campionato di vertice ed essersi confermato secondo solo a Massimo Vacchetto e Bruno Campagno. Campagno ben supportato dalla squadra Torronalba Canalese Marco Battaglino, Fabio Marchisio e Davide Cavagnero, D.T. Ernesto Sacco è partito a bomba portandosi sul 6 a 0 concedendo ai cuneesi nei primi 3 giochi solo 3, 15. Campagno è dirompente, al 70 al volo, vola i palloni. Raviola e c. sono frastornati. Fanno il 1º gioco sul 6 a 1, dopo un 40 pari, e si sbloccano, Campagno sembra rifiatare e chiudono al riposo alle 16.30 sul 4 a 6 per i locali. Dopo il riposo bell’incontro e giochi tirati.

Campagno va sul 7 a 4, poi 8 a 5 ma si vede che ne ha di meno, anche se ben supportato dalla squadra. Ma in questi incontri sono i capitani che devono tirare di più. Una menzione alla spalla di Campagno, Marco Battaglino, che il prossimo hanno giocherà in B a Monticello d’Alba, come battitore, se continuasse in questo ruolo, in pochi anni, sarebbe il nuovo Michele Giasmpaolo, cioè la spalla più forte del campionato. Si arriva sul 7 a 9 e poi 9 pari e si intuisce che Raviola può vincere e chiude sull’11 a 9, meritatamente. Per la Subalcuneo è l’apoteosi per la Canalesse, amarezza e sconcerto. Comunque belle battute e bei palleggi ed un Raviola così è temibilissimo in finale sia per Paolo Vacchetto che per Davide Dutto.

G.S.

Ulteriori dettagli su L’Ancora in edicola giovedì 11 ottobre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close