Ovada

L’11 novembre su Rete 4, “I Viaggi del cuore” porta in tv Belforte, Cremolino e Mornese

Alessandria. Anche quest’anno “I viaggi del cuore”, il noto programma televisivo italiano di approfondimento culturale e religioso in onda su Rete 4 fa tappa in provincia di Alessandria, grazie all’iniziativa della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

Quattro località saranno protagoniste della trasmissione condotta da don Davide Banzato che ha seguito personalmente le riprese effettuate nei giorni scorsi dalla troupe di Mediaset a Belforte Monferrato, Cremolino, Mornese, Castelletto M.to e San Salvatore Monferrato.

La messa in onda è prevista per domenica 11 novembre su Rete 4 alle ore 11, al termine della Santa Messa.

Il turismo religioso rappresenta una vera e propria leva per lo sviluppo locale – afferma Pier Angelo Taverna, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria –  Secondo dati recenti, è emerso che circa il 20% della popolazione mondiale, nel corso di un anno, si sposta per fare un pellegrinaggio, alimentando un giro d’affari di miliardi di euro. In Italia, in particolare, secondo una ricerca dell’Istituto Nazionale Ricerche turistiche, il turismo religioso genera oltre 5,6 milioni di presenze annue, di cui 3,3 milioni di presenze straniere e 2,3 milioni di presenze legate al mercato italiano. Un pubblico di tutto rispetto che dobbiamo cercare di intercettare valorizzando tutti quei luoghi che rappresentano tappe fondamentali per le esperienze spirituali”.

Sarà don Davide Banzato ad aprire la trasmissione e ad illustrarne i contenuti passeggiando sulle sponde del torrente Stura nel territorio di Belforte Monferrato, sulle estreme propaggini collinari dell’appennino ligure.

Le telecamere si sposteranno, quindi a Mornese, che quest’anno festeggia 830 anni di fondazione, paese natale di Santa Maria Domenica Mazzarello. Storia, cultura e spiritualità si fonderanno nel corso della presentazione di questi luoghi dove la Santa ha vissuto e fondato la congregazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Saranno le parole della Madre Superiora del convento a far rivivere la storia e le opere di Santa Maria Mazzarello, il miracolo compiuto e l’iter della canonizzazione.

Da Mornese a Cremolino il passo è breve e il sentiero percorso da don Banzato segue il pellegrinaggio dei Cristi e si inerpica fino al santuario di Nostra Signora della Bruceta di Cremolino risalente al IX secolo circa. Si trattava originariamente di una chiesa intitolata alla Madonna delle Grazie, perché la tradizione vuole che qui la Madonna apparve ad una ragazza sordomuta facendole la grazia di riacquistare l’udito e la parola. In realtà, il nome del Santuario è legato ad un evento infausto: nel ‘900 circa, i Saraceni incendiarono la cappella, ma i fedeli riuscirono a salvare dalle ceneri il dipinto su pietra della Madonna. Da allora il nome del santuario, che conserva al suo interno il dipinto miracolato, fu mutato in “Bruceta”.

Quindi incontro con don Gabriele Paganini, giovane parroco delle parrocchie di San Siro a Castelletto M.to e di San Martino e Siro a S. Salvatore M.to, chiesa ricca di preziose tele del Moncalvo, nonché Direttore dell’Ufficio Catechismo della Diocesi di Casale M.to  e Rettore del Santuario Madonna del Pozzo di S. Salvatore M.to.

Una trasmissione tutta da vedere per far conoscere luoghi e tradizioni dell’alessandrino in grado di richiamare un importante target di turisti alla ricerca di nuove mete interessanti.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close