Diocesi

11 santuari del Piemonte e della Valle d’Aosta ammessi alla fase 2 del progetto della fondazione CRT

11 santuari del Piemonte e della Valle d’Aosta ammessi alla fase 2 del progetto della fondazione CRTUndici Santuari del Piemonte e della Valle d’Aosta sono stati ammessi alla “fase 2” del grande progetto della Fondazione CRT “Santuari e Comunità – Storie che si incontrano”, che ha l’obiettivo di recuperare e valorizzare un Santuario per ciascuna Diocesi del territorio attraverso interventi fondati su tre pilastri inscindibili: restauro dei beni, iniziative per l’inclusione sociale, azioni di promozione culturale e turistica per la crescita e lo sviluppo dei contesti locali.

Gli 11 Santuari selezionati e ammessi alla presentazione dei progetti definitivi, sono: il Santuario Madonna del Buon Consiglio a Castiglione Tinella nella Diocesi di Alba (nella foto), il Santuario della Beata Vergine del Portone ad Asti, il Santuario della Madonna di Loreto a Graglia nella Diocesi di Biella, il Santuario della Madonna di Crea a Serralunga di Crea nella Diocesi di Casale Monferrato, il Santuario Sant’Anna di Vinadio a Vinadio nella Diocesi di Cuneo, il Santuario della Divina Provvidenza a Cussanio nella Diocesi di Fossano, il Santuario del SS. Crocifisso a Boca nella Diocesi di Novara, il Santuario della Madonna della Misericordia a Valmala nella Diocesi di Saluzzo, il Santuario Madonna della Guardia a Sale nella Diocesi di Tortona, il Santuario di Maria SS. Vergine Potente a Moncrivello nella Diocesi di Vercelli, il Santuario Madonna delle Nevi a Machaby nella Diocesi di Aosta.

Il percorso di “Santuari e Comunità” prevede la presentazione dei progetti definitivi entro il prossimo aprile per le Diocesi di Alba, Casale Monferrato, Cuneo, Novara, Vercelli, ed entro ottobre per le Diocesi di Asti, Aosta, Biella, Fossano, Saluzzo, Tortona. Seguirà la realizzazione dei progetti, in parallelo con l’attività di raccolta fondi (“fundraising”), svolta da giovani specificatamente formati per attivare campagne di donazioni a sostegno degli interventi di restauro dei Santuari e delle iniziative sociali e culturali ad essi collegate, sul modello già sperimentato con successo per il Santuario della Consolata di Torino.

 

 

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
it_ITItalian
it_ITItalian
Close